Depressione post partum cause, sintomi e trattamenti

Redazione
no comments

La depressione post partum , chiamata anche depressione postnatale è un tipo di disturbo dell’umore associato al parto che può colpire una neo mamma, piú comunemente, ma anche un neo papà. I sintomi possono includere estrema tristezza, poca energia, ansia, episodi di pianto, irritabilità e cambiamenti nel sonno o nei modelli alimentari. Si manifesta in genere tra una e quattro settimane dopo il parto.

Cause

Mentre la causa esatta di questo tipo di depressione non è chiara, si ritiene che la causa sia una combinazione di fattori fisici ed emotivi.  Questi possono includere fattori come i cambiamenti ormonali e la privazione del sonno .  I fattori di rischio includono precedenti episodi di depressione postpartum, disturbo bipolare , ereditarietà della depressione , stress psicologico , complicanze del parto , mancanza di sostegno o disturbo da uso di droghe .

L’evidenza suggerisce che i cambiamenti ormonali possono avere un ruolo nello sviluppo della depressione. Gli ormoni che sono stati studiati includono estrogeni , progesterone , ormone tiroideo , testosterone , ormone rilasciante corticotropina e cortisolo. Anche i cambiamenti di stile di vita profondi che sono generati dalla cura del bambino sono spesso ipotizzati come causa . Tuttavia, poche prove supportano quest’ipotesi. Le madri che hanno avuto diversi figli precedenti senza essere colpite dalla depressione possono comunque soffrirne con il loro ultimo figlio. Nonostante i cambiamenti biologici e psicosociali che possono accompagnare la gravidanza e il periodo postparto, alla maggior parte delle donne non viene diagnosticata la DPP

Diagnosi

La diagnosi si basa sui sintomi di una persona. Mentre la maggior parte delle donne sperimenta un breve periodo di preoccupazione o infelicità dopo il parto, in questo caso viene definita maternity blues, la depressione post partum deve essere chiamata in causa quando i sintomi sono gravi e durano più di due settimane, afferma la dotteressa Claudia de Masi, psicologa a Roma specializzata in terapia breve strategica.

Sintomi

come si riconosce la depressione post partum? Attraverso una serie di sintomi che possono verificarsi in qualsiasi momento nel primo anno dopo il parto. In genere, una diagnosi di depressione post partum è considerata dopo che i segni e i sintomi persistono per almeno due settimane.  Questi sintomi includono, ma non sono limitati a:

  • Tristezza persistente, ansia
  • Forti sbalzi d’umore
  • Frustrazione, irritabilità, irrequietezza, rabbia
  • Sentimenti di disperazione o impotenza
  • Senso di colpa, vergogna, inutilità
  • Bassa autostima
  • Intorpidimento, senso di vuoto
  • Esaurimento nervoso
  • Incapacità di essere confortati
  • Problemi di legame con il bambino
  • Sentirsi inadeguato nel prendersi cura del bambino

Disturbi Comportamentali

  • Mancanza di interesse o piacere nelle solite attività
  • Poca energia o voglia di vivere
  • Bassa libido
  • Cambiamenti nell’appetito
  • Affaticamento, diminuzione dell’energia e motivazione
  • Misantropia
  • Insonnia o sonno eccessivo
  • Capacità ridotta di prendere decisioni e pensare in modo chiaro
  • Mancanza di concentrazione e scarsa memoria
  • Preoccuparsi di fare male a sé, al bambino o al partner

Il trattamento

Fornire un supporto psicosociale può essere innanzitutto protettivo nella prevenzione della depressione post partum. Il trattamento vero e proprio può includere principalmente un supporto psicologico e, nei casi piú gravi, una terapia farmacologica.

I tipi di consulenza che sono stati giudicati efficaci comprendono la psicoterapia interpersonale, la terapia cognitivo comportamentale  la terapia psicodinamica . Le prove sperimentali supportano l’uso di farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

La depressione post partum colpisce circa il 15% delle donne durante il parto. Inoltre, si stima che questo disturbo dell’umore colpisca dall’1% al 26% dei nuovi padri. La psicosi post partum è invece  una forma più grave di disturbo dell’umore successivo al parto, si verifica in circa 1-2 persone ogni 1.000 donne dopo il parto. La psicosi post partum è una delle principali cause di omicidio di bambini con meno di un anno di età .

Correlazione tra violenza e depressione post partum

Uno studio che esamina la ricerca sull’associazione tra violenza e depressione post partum ha mostrato che la violenza contro le donne aumenta l’incidenza della depressione stessa. Circa un terzo delle donne in tutto il mondo sperimenteranno violenza fisica o sessuale ad un certo punto della loro vita. La violenza contro le donne si verifica in aree di conflitto, postbelliche, ma anche non conflittuali. È importante notare che la ricerca esaminata riguardava solo la violenza subita da donne da parte di uomini, ma non considerava la violenza inflitta a uomini o donne dalle donne. Inoltre, la violenza contro le donne è stata definita come “qualsiasi atto di violenza di genere che abbia come risultato, o possa comportare, danni fisici, sessuali o psicologici o sofferenza alle donne”. I fattori psicologici e culturali associati ad un’aumentata incidenza di depressione post partum comprendono storia familiare di depressione, eventi stressanti della vita durante la pubertà precoce o gravidanza, ansia o depressione durante la gravidanza e basso supporto sociale. La violenza contro le donne è un fattore di stress cronico, quindi la depressione può verificarsi quando qualcuno non è più in grado di rispondere alla violenza. VEDI FONTE DELLO STUDIO.

 

Categories:

About Redazione

In questa sezione trovi i comunicati stampa relativi ad eventi e kermesse, conferenze stampa e convegni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l'informativa estesa sui cookie<br>
<a href="https://www.lecodellaverita.it/cookie-policy/">Informativa estesa cookie</a>
<a href="https://www.lecodellaverita.it/informativa-privacy/">Informativa Privacy</a>.