TUTTE LE NOTIZIE

Curare la pelle con la Fonte delle Nitrodi

acque termali fonte delle nitrodi

Guardarsi allo specchio ed osservare ogni minimo difetto della propria pelle, schiacciare brufoli, punti neri o cercare di nascondere le imperfezioni sul mio viso. Sì, lo faccio da sempre, o almeno da quando ero un’adolescente con i primi segni del tempo. E così ho compreso come ogni giorno sia importante curare la pelle con un giusto equilibrio tra alimentazione e trattamenti cosmetici.

Acqua termale per curare la pelle

La pelle irritata, se non curata per tempo e nel modo giusto, genera dermatiti ed eczemi fastidiosi. Questi accorgimenti non valgono solo per le pelli femminili, ma anche per quelle maschili. La pelle riveste il nostro corpo e lo protegge dal freddo e dal caldo,subendo una serie di aggressioni che nel corso del tempo la invecchiano, facendole perdere tono ed elasticità. Tra i rimedi naturali per curare la pelle del viso c’è l’acqua termale.  E da un po’ di anni ho imparato ad apprezzare i benefici di questi trattamenti. Ho girato vari impianti termali, ma in particolare mi sono innamorata delle terme di Ischia.

fonte delle nitrodi acqua termale

I benefici delle terme di Ischia

Sapevano bene come curare la pelle irritata gli antichi Greci e Romani, che trovarono sull’isola di Ischia (l’antica Pithecusa o Aenaria) l’elisir di bellezza e di giovinezza. Ancora oggi, questo prezioso luogo di cura della pelle è custodito tra le colline dell’isola verde di Barano conservando il suo nome di Fonte delle Nitrodi.

La sorgente risale all’epoca della colonizzazione greca dell’isola di Ischia, momento in cui divenne metà per chi cercava guarigione ai mali più disparati. Si legge nelle testimonianze degli antichi, tra questi Strabone e Plinio Il Vecchio, che presso la fonte delle Nitrodi si recavano i soldati per curare le ferite di guerra, gli anziani che avevano dolori alle ossa ed artriti, ma anche chi tra le donne desiderava restare incinta o conservare intatta la propria giovinezza. C’è un sostrato magico e leggendario dietro le prodigiose cure di queste fonti.

ischia spa terme

Dove si trova la Fonte delle Nitrodi?

La fonte termale, ancora oggi attiva e frequentata da turisti ed abitanti dell’isola, sorge tra le colline di Buonopane, in località Barano, a sud dell’isola. È un’oasi a terrazzamenti e presenta una serie di docce che erogano l’acqua pura senza alcun trattamento chimico a 28 gradi. Passeggiare tra il verde del parco e sostare lungo le docce a cascata, le sue fontanine, lasciandosi rapire dall’odore delle erbe aromatiche e dai panorami incantevoli che si aprono sui terrazzamenti, spaziando dal verde delle colline all’azzurra distesa del mare, è una sensazione indescrivibile. Fichi, ulivi e peri si alternano alla macchia mediterranea con i suoi odori di lavanda, alloro, ginestra e rosmarino.

 Il parco delle ninfe Nitrodi è consacrato al dio Apollo, custode del sole e conserva la sua sacralità nei silenzi. Lungo le terrazze sono disposte le zone relax e contemplazione con lettini e sedute di yoga, musicoterapia, meditazione e mandalaterapia per regalare un benessere a 360 gradi.

Chi erano le ninfe Nitrodi?

Il nome rimanda al Nitro e allo Zolfo che sono contenuti per gran parte nelle acque sgorganti dal sottosuolo della zona di Barano di Ischia. Proprio qui, sorgeva un antico tempio dedicato ad Apollo e alle sue ninfe, le Nitrodi. Secondo una leggenda del luogo, una pestilenza colpì l’antica isola di Ischia e gli abitanti si rivolsero alla vicina Sibilla Cumana per trovare una soluzione.

La Sibilla vaticinò che solo una ninfa avrebbe salvato la situazione: e così una delle ninfe Driadi, che abitava i monti, una tale Iale, ne approfittò per apparire come la salvatrice. Iniziò subito a procurarsi zolfo e nitro dalle caverne dell’isola per scioglierli nelle acque delle sorgenti, ma scoperta da Inarime (ninfa protettrice di Ischia e vera salvatrice della profezia della Sibilla) fu disciolta in quelle stesse acque che stava contaminando.

cura della pelle Valeria Russo

E così le sorgenti cariche di Nitro presero il nome di Nitrodi.  Nella mappa di un tale Ortelio si cita una fonte chiamata Nitroli che guarisce molte malattie e rende ancora più bianco il lino immerso in esse per tre giorni. E secondo una testimonianza di Plinio il Vecchio presso queste fonti si recarono anche moltissimi Romani attirati dalla proprietà miracolose delle sue acque. Arrivavano anche da Pompei numerose matrone alla ricerca di ristoro e di una beauty routine per la cura della pelle del viso.

Queste acque curative scaturiscono dalla madre terra e sono una panacea naturale contro numerosi disturbi della pelle, come dermatiti e psoriasi, ma anche acne e foruncolosi. Le proprietà dei minerali contenuti nelle acque delle Nitrodi lascia la pelle liscia e pulita con un effetto scrub immediato. L’acqua dilata i pori e fa respirare l’epidermide. Non è un’acqua miracolosa solo per la pelle, ma anche per le ossa curando artriti ed artrosi, migliora le gastriti e le infiammazioni dell’apparato gastrointestinale.

acqua termale ischia

La linea di Ischia SpaEh salus per aquam et herbas comprende una vasta gamma di prodotti per beneficiare delle proprietà curative delle acque di Nitrodi anche a casa: fanghi curativi per la pelle grassa e la pelle secca del viso, creme antireumatiche per combattere dolori artrosici, lozioni da usare come basi trucco e infine l’acqua delle fonti da nebulizzare in ogni momento della giornata per rivivere la magia di quei momenti trascorsi a Barano D’Ischia tra le braccia della natura.

E tra l’altro è antiossidante, addolcente, lenitiva per curare la pelle contro tutte le aggressioni esterne. Quest’acqua è ipotermale solfata alcalina e ha un effetto immediato su arrossamenti e contro pruriti al derma. Personalmente, ho provato sulla mia pelle la magica sensazione di freschezza e pulizia profonda dei pori che regala il fango con acqua di Nitrodi e lo spray nebulizzatore per regalarmi ogni giorno un momento di ristoro e di bellezza unica.

Il parco delle Nitrodi è aperto dal 21 marzo al 5 novembre dalle ore 10.30. In estate la chiusura è alle ore 19.00. L’entrata al parco per usufruire dei benefici delle docce termali e degli altri servizi costa 12€ nella bassa stagione e 15€ nell’alta stagione.

Cosa mangiare per curare la pelle?

Adoro frequentare le terme e rilassarmi tra i vapori e l’idromassaggio delle piscine termali. Però, non dimentichiamoci che la bellezza di una pelle luminosa, elastica e sana parte prima di tutto dall’interno. Dopo i 30 anni di età la pelle cambia aspetto e consistenza, pertanto bisogna seguire una dieta ricca di frutta e verdura, ma anche di molta acqua, per assicurare più tono e purezza alla pelle idratando i tessuti.

Tra gli alimenti che donano maggiore vigore alla pelle ci sono kiwi, cetrioli, l’avocado ricchi di vitamine, così come le noci,mirtilli, pomodori, uova e frutta secca ricca quest’ultima di selenio e rame necessari alla produzione di collagene.

Follow:
Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie

Informativa estesa cookie
Informativa Privacy.