Pillole di benessere

Il tè, un vizio millenario che fa bene ad ogni età

il tè

E’ scuro, intenso e aromatico e non stanca mai:sì, è proprio lui, Mister Tè. Bevanda astringente e dalle proprietà benefiche per la salute ha origine in Cina già prima del 2500 a.C. Gli inglesi lo hanno consacrato come loro patrimonio nazionale- un po’ merito anche della regina Vittoria non appena fu incoronata una delle prime cose che ordinò fu “una tazza di tè, fino ad allora bevanda a lei proibita dalla sua istitutrice-e osservano ogni pomeriggio alle cinque in punto un rito sacro, durante il quale si ferma ogni attività e ci si dedica solo ad una deliziosa tazzina di tè rigorosamente con un goccio di latte. E come dar loro torto? Il tè è perfetto per accompagnare la colazione o un break, da sempre è usato come mezzo per favorire incontri sociali.

Il tè arrivò in Occidente nel 1600

Già da un po’, anche noi italiani abbiamo riconosciuto l’importanza di questa bevanda orientale, tanto gustosa e leggera, a tal punto da aderire alla Tea Masters Cup, una competizione internazionale per appassionati e per professionisti (Tea Masters) del mondo del tè.

il tè

Noi siamo soliti consumare il tè in bustine, ma sarebbe più appropriato fare un infuso direttamente con le foglie della pianta per apprezzarne tutti i benefici e gustarne pienamente i profumi.

In Inghilterra si consumano ogni anno pro capite ben 2 chili di tè, pari alla quantità di caffè che beve un italiano nello stesso arco temporale. In effetti, l’Italia ha notizie di questa bevanda orientale ottenuta dalle foglie di Camellia Sinensis, solo nel 1559 e bisognerà aspettare solo alla fine della seconda guerra mondiale per vederlo arrivare con maggiore frequenza.

il tè

Ma quali sono le proprietà del tè?

È davvero un toccasana per la salute? Medici e cultori della bevanda concordano sul fatto che il tè abbia proprietà astringenti per chi soffre di problemi gastrointestinali, ma anche per migliorare la concentrazione, infatti velocizza le facoltà cerebrali. Non a caso è indicato, soprattutto nella varietà di tè nero, nel prevenire il morbo di Alzheimer.

Il tè è ricco di flavonoidi, cioè antiossidanti che combattono colesterolo, radicali liberi e sono utili per prevenire malattie cardiovascolari. Se ci domandiamo quale sia il segreto della longevità, osserviamo un secondo i reali britannici e smetteremo di chiedercelo.

il tè nero

Come va servito un buon tè?

Poche regole per rendere il momento del tè speciale, come suggeriscono gli esperti in materia: niente zucchero, altrimenti si azzerano sapori e fragranze; meglio servirlo in tazzine piccole e non da latte come siamo abituati a fare a colazione, come mai? Il tè si mantiene caldo più a lungo e conserva meglio gli aromi. E come accompagnarlo? Muffin e biscottini dolci sono ideali per un tè vanigliato o all’arancia, se invece si gusta un tè nero, o anche verde, meglio accompagnarlo con del salato. E’ strano in effetti, ma tutto sta nel provare.

Una bevanda che va bene ad ogni età ed occasione, fa bene al corpo, ma soprattutto allo spirito, invitando alla meditazione e a scaricare l’energia negativa accumulata con stress o rabbia.

Diamoci tutti un minuto per il tè!

Share:

Rispondi