TUTTE LE NOTIZIE

Guadagnare viaggiando? Ecco come diventare un travelholic

guadagnare viaggiare

La chiamano sindrome del viaggiatore o travelholic e ne soffre una persona su tre. Il contagio avviene velocemente e, tramite social come Instagram, l’epidemia avanza sempre più.
La sindrome si manifesta con una irrefrenabile voglia di partire, senza mai fermarsi. Appena si rientra da un viaggio si organizza già una nuova partenza.

Gli altri o ti invidiano perché pensano che sei pieno di soldi e puoi permetterti di partire ogni giorno, oppure ti considerano una persona folle che sperpera tutto quello che ha per viaggiare.

Gli amici di sempre iniziano a preoccuparsi perché non sanno più dove ti trovi realmente. La sindrome del wanderlust o globe-trotter è alimentata dalla passione per la fotografia e la curiosità di scoprire nuovi posti nel mondo. E poi guadagnare viaggiando sempre è meraviglioso, lo confermano i numerosi travel blogger che si raccontano sul web.

L’ironica metafora è per introdurvi nel mondo di Travelmania Club, il cui fondatore è Salvatore Daniele Amalfa, originario di Milazzo, ma da un po’ di tempo cittadino del mondo.

Viaggiare quasi gratis

I social network hanno cambiato la vita di molte persone e continuano a farlo ogni giorno. C’è chi ha trovato nella propria passione, ovvero il viaggiare per il mondo, un vero e proprio lavoro ben remunerato. Viaggiare guadagnando sconti, benefit o veri e propri stipendi non è più un’utopia. Lavorare divertendosi, scattando foto, girando filmati in gopro, provando gusti e sapori nuovi, girando paesi lontani e vicini a costo zero o quasi.

Chi non vorrebbe farlo? Salvatore Daniele Amalfa è tra quelli che hanno preferito sposare la propria passione: viaggiare senza sosta. E lo spiega attraverso il suo account Instagram Travelmania Club invitando tutti a seguire le sue orme.

In cosa consiste? Un club di esclusivo di viaggiatori che entrano in contatto e ottengono sconti e possibilità di viaggiare in modo comodo, promuovendo posti nuovi e migliorando il lifestyle di amici, parenti e conoscenti. Non senza aver prima avuto una formazione completa dagli altri membri del club.

viaggiare guadagnare travelholic

Essere pagati per viaggiare è una “figata” che tutti vorrebbero fare. È possibile? A quanto pare sì. E Salvatore lo spiega a tutti con dei video e ora anche con una app scaricabile tramite YouTube.

Vuoi guadagnare con i viaggi?

Un siciliano che da 20 anni lavora nel settore metalmeccanico, anche se in modo precario. Abituato a non stare mai fermo, ha capito subito che viaggiare era il suo Piano B.

Ha fatto della sua passione per i viaggi un modo per aiutare se stesso a fare qualcosa di diverso e più soddisfacente e aiutando gli altri che hanno la sua stessa idea di crescita personale e mindset.

Un giorno non è sprecato se viene creato un ricordo di viaggio. Una foto, un video, una esperienza positiva o negativa può essere di aiuto a milioni di persone alle quali arriva in modalità social. E se si può guadagnare viaggiando spesso, da soli o i compagnia, tanto meglio.

Com’era la tua vita prima e come è adesso?

Come era la mia vita prima??Avevo poco tempo e pochi soldi è un lavoro che non mi piaceva.. Come adesso!? Ho creato più esperienze ho più ricordi grazie a questa idea e sto creando il mio futuro facendo ciò che mi piace fare

Perché consiglieresti ad altri di diventare un travel blogger?

Consiglio questo percorso per due semplici motivi..Prima di tutto perché chiunque ama viaggiare e vuole farlo nel miglior modo possibile con noi ci riesce benissimo; in secondo luogo questo è un percorso di cambiamento nel Mindset e nello stile di vita.. Quindi o vinci o impari.

Viaggiare è come leggere: allarga gli orizzonti della conoscenza e arricchisce l’anima di chi parte e di chi torna.

È ora di partire…

Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie

Informativa estesa cookie
Informativa Privacy.