Gastroeventi

Progetto Spesa, sapori campani a chilometro zero direttamente a casa

progetto spesa

In un mondo sempre più vittima della globalizzazione si può ancora gustare il sapore unico e genuino dei prodotti della terra? Siamo abituati ai grandi ipermercati, dove è possibile trovare prodotti provenienti da tutto il mondo, per lo più surgelati e non sempre freschissimi.

E così ci lasciamo ingannare da una mozzarella cinese fatta passare per Bufala campana, o da pomodori provenienti da lontano e coltivati con sostanze nocive per la salute umana. La verdura che arriva sulle nostre tavole potrebbe essere in scadenza e un acquisto all’apparenza conveniente si trasforma in una vera fregatura per la salute e per la tasca.

Progetto Spesa promuove i prodotti della Campania

È da qui che parte l’avventura di Giacinto Martone, una laurea in ingegneria civile messa al servizio di una grande passione per la cucina e la genuinità dei prodotti della terra. In un periodo difficile per i piccoli e medi produttori agricoli, fiaccati dalle “follie climatiche” degli ultimi tempi, gravati dalle immagini della “Terra dei Fuochi” che hanno generato diffidenza e cattiva pubblicità, c’è chi dà loro una grande mano. Sono le giovani menti creative, quei cervelli “non più in fuga all’estero”, ma motivati a restare nella propria terra e a investire idee e forze per risollevarla e promuovere tutto il buono che c’è.

progetto spesa-giacinto martone

Giacinto Martone

E così, iniziando a piccoli passi, il giovane imprenditore campano ha dato vita a Progetto Spesa (progettospesa.com il sito sarà attivo a breve) nell’estate 2016 coniugando la promozione dei prodotti enogastronomici della Campania con il desiderio di prodotti freschi venduti a chilometro zero.

In cosa consiste Progetto Spesa?

Al momento il progetto è fondato su una rete di passaparola  via email, come ha spiegato lo stesso Giacinto Martone: “Ho iniziato dal nulla, inviando una mail settimanale con i prodotti disponibili in base alla stagionalità, punto di forza di Progetto Spesa, perché il cliente è sicuro che gli arriveranno alimenti sempre freschi. Nella mail sono specificati prezzi e aziende agricole di provenienza. Poi, una volta che il cliente fa l’ordine, per ora via mail, ma presto tramite sito, mi occupo dell’imballaggio con la specifica delle quantità e dei prezzi, e nei giorni indicati, di solito il martedì, mercoledì e giovedì, faccio personalmente le consegne  in zone diverse in base alla fascia oraria indicata”.

Il meccanismo è molto simile a quello di Amazon con la sola differenza che non ci sono corrieri esterni, ma tutto è fatto dallo stesso Martone: “La consegna avviene al piano senza costi di etichetta, né di spedizione. La spesa minima per le consegne è di 15€- ed aggiunge- su alcune referenze sono coproduttore, ovvero seguo tutto il processo produttivo per garantire ancora più qualità e controllo degli alimenti”.

progetto spesa

Cosa si può comprare su Progetto Spesa?

Vino, pasta biologica, conserve di pomodori, melanzane, verdure e mozzarella di bufala, formaggi tipici campani, ma anche la famosa cipolla ramata di Montoro: “ Tra i prodotti in vetrina maggiormente richiesti ci sono anche gli yogurt bio, i vini di Torrecuso e l’olio del beneventano, ma anche i carciofi e le ciliegie”.

 

progetto spesa

Come raggiungere Progetto Spesa?

Al momento sono attive sui social la pagina Facebook Progetto Spesa e il follow Instagram. Si può interagire anche tramite cellulare al seguente numero 345 0930493

E quando chiediamo al giovane Martone quali altre piacevoli sorprese ci attendono, lui ci risponde con un hashtag…. #ilmegliodeveancoravenire

Impossibile non dare un morso alla genuinità di questi prodotti!

 

 

Share:

Rispondi