Fatti e misfattiSpettacoli & Tv

Mercato librario in crisi: i giovani vivono e leggono solo sui social

NAPOLI-Il 23 aprile Giornata Mondiale del libro e del diritto d’autore significa,per l’UNESCO, immortalare i libri e i loro autori per diffondere le culture di tutti i Paesi del mondo.

La festa del libro chi l’ha inventata?

Nasce in Catalogna l’idea di lanciare il libro attraverso l’omaggio floreale di una rosa.Questa brillante iniziativa dell’UNESCO come funziona a Napoli?

Festa del libro napoli

Librerie vuote a Piazza Dante

L’abbiamo chiesto a più librai del centro storico nei pressi di Piazza Dante e le risposte fanno intendere la “crisi della lettura”, come ci ha spiegato Luigi, impiegato alla libreria Pacifico:” A Napoli le vendite dei libri scolastici e di narrativa son calate del 75%, nonostante ci sia uno sconto anche del 20%  su tutti i libri- e aggiunge-abbiamo allestito fuori al negozio bancarelle con libri anche ad un euro, ma nessuno acquista costantemente da oltre cinquant’anni, resistiamo perché crediamo nei corsi e ricorsi storici, ad un certo punto della vita ci sarà una nuova schiarita”.

Festa del libro Napoli

Alfonso Panalican sacerdote filippino

C’è chi è più realista “I giovani sono confusi” interviene Don Alfonso Panalican, sacerdote filippino di 55 anni-Sono in Italia da venticinque anni tra poco sarò trasferito all’estero, ma quello che ho avuto modo di notare è  che i giovani non hanno troppa voglia di leggere, preferiscono passare ore sui social, hanno poca fantasia,amano la tecnologia e la letteratura solo attraverso internet- e conclude- cosa potrei fare per contribuire al rilancio del libro? Regalare in parrocchia alcuni libri di narrativa per avvicinare i ragazzi al cartaceo, forse. Il grido d’allarme dovrebbe partire dalla scuola,non più dalla famiglia,visto che proprio quest’ultima ora più che mai è poco attenta ai problemi dei giovani.

Festa del libro o era dei social?

La vita odierna è frenetica segue i suoi ritmi, nessuno vuole approfondire le sue conoscenze culturali in biblioteca, come si faceva una volta, bastano pochi secondi e il mago internet apre gli orizzonti. E poi a scuola la grammatica non si conosce più  ed il compito d’italiano diventa lo specchio degli asini.

Crisi mercato del libro Napoli

Parlano i librai di Piazza Dante

 

Una proposta affinché i libri non vadano al macero? 

Una commessa libraria di Tullio Pironti propone: “Regaliamo,se è possibile, libri d’autore ai docenti perché sono loro i responsabili,proponiamo la lettura di un libro di narrativa almeno una volta al mese, così i ragazzi devono per forza leggere e avere un giudizio”.

Librerie piazza Dante Napoli

Piazza Dante, librerie a cielo aperto

Una volta il libro era il miglior amico dell’uomo,oggi viene deliberatamente lasciato a casa a prendere polvere come un semplice soprammobile.

 

 

 

Spegniamo il pc ed accendiamo la fantasia che solo un libro sa far viaggiare! 

Foto a cura di FuRu

 

Share:

Rispondi