Homoschlepiens,basta acqua in bottiglia

Valeria Russo
no comments

Homoschlepiens è uno modus vivendi ormai superato. Cosa saremmo senza l’acqua? È risaputo che possiamo vivere senza mangiare a lungo, ma senza bere si muore in poche ore. E così vittime del caldo e dell’afa, ogni giorno in tutto il globo si beve un miliardo di bottiglie di plastica. Ed è proprio qui che come esseri umani sbagliamo nei confronti dell’ambiente.

Homoschlepiens è ormai preistoria

Infatti, la maggior parte delle bottigliette di bibite con le quali andiamo in giro sono gettate per terra, nei fiumi, nei laghi o, nel peggiore dei casi le vediamo galleggiare sulla superficie del mare. Le conseguenze per l’ambiente sono devastanti perché in poco tempo distruggiamo la flora e la fauna mettendo a dura prova gli equilibri dell’intero ecosistema.

Siamo ancora tutti Homoschlepiens?

Ognuno di noi può contribuire a cambiare rotta, come ci fa notare la campagna di sensibilizzazione lanciata da Sodastream  , il produttore di gasatori e depuratori di acqua del rubinetto, attraverso il video #Homoschlepiens che ha registrato più di 12 milioni di visualizzazioni in pochi giorni su YouTube.
Nel video, interpretato da volti noti della televisione americana, ovvero Mayim Bialik (la Dott.ssa Amy Farrah Fowler della famosa serie televisiva The Big Bang Theory) e Kristian Nairn (AKA Hodor de Il Trono di Spade, la serie TV del momento), un’antropologa del futuro racconta ad un gruppo di scolari in gita l’era dell’ Homo Schlepiens, cioè “l’uomo che trasporta”, giocando sull’ironia spiega come il trasporto delle bottiglie di acqua e il loro utilizzo sia ormai una “roba superata e preistorica”.

Un esemplare di Homoschlepiens, interpretato da Kristian Nairn, è quasi stupito nel vedere l’antropologa riempire una borraccia sotto l’acqua corrente di una cascata, per la sua tribù la vera acqua da bere è solo quella nelle bottigliette di plastica.
È proprio attraverso l’ironia e la ridicolizzazione di questa abitudine umana che Sodastream cerca di attirare l’attenzione delle coscienze civili invitandole ad un consumo più consapevole e alla creazione di un futuro più pulito e sano per i più piccoli.

L’ Homoschlepiens si fa del male con la plastica

Perché la plastica fa male? Essa contiene due classi di elementi chimici maggiormente dannosi anche per la salute umana, questi sono il bisfenolo-A o BPA e gli additivi usati nella sintesi della plastica, detti ftalati.
L’accumularsi delle bottiglie di plastica, degradandosi sotto l’azione del sole e degli altri agenti atmosferici, comporta il rilascio di queste sostanze nocive per la salute umana. Animali e vegetazione sono i primi a risentirne nell’immediato.

E poi, anche se spesso lo ignoriamo, ormai è ben noto che la plastica viene generata anche dall’uso dell’8% dell’intera produzione di petrolio. Quest’ultimo comporta altri problemi di inquinamento ambientale, come accumulo in eccesso di anidride carbonica. Sodastream ha lanciato l’allarme, ora sta a noi cambiare abitudini per il bene del Pianeta Terra, anche se non sarà facile, potremmo essere una goccia nell’oceano e generare un incredibile effetto tsunami positivo.

 

GUARDA IL VIDEO

 

Buzzoole

Categories:

About Valeria Russo

Giornalista Pubblicista...“curiosa al punto giusto”. Amante dei viaggi e della cucina. Come reporter ha esordito sul quotidiano Il Roma nel novembre del 2007. Ha collaborato con testate on line come: NapoliVillage.it, Julie News, NapoliToday.it, il Mattino, HuffPost, Blasting News. E' sempre “on the road” a caccia di verità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l'informativa estesa sui cookie<br>
<a href="https://www.lecodellaverita.it/cookie-policy/">Informativa estesa cookie</a>
<a href="https://www.lecodellaverita.it/informativa-privacy/">Informativa Privacy</a>.