Pillole di benessere

Alopecia: ne soffre un italiano su tre

alopecia

La bellezza di ogni individuo è rappresentata soprattutto dai capelli e dai peli, perciò la mancanza di questi elementi possono cambiare non solo l’aspetto, ma anche l’umore di una persona. Perché oggi vediamo sempre più giovani calvi o stempiati? Non ci vuole molto per rendersi conto che lo stress gioca brutti scherzi e contribuisce non poco alla caduta dei capelli. Alopecia viene dal greco e significa volpe, il termine indica proprio i capelli a macchia di volpe in alcune zone.

Un uomo su tre soffre di alopecia

Spesso e volentieri questa malattia si trasmette geneticamente e vengono colpiti più uomini che donne. Di solito si fanno mille sacrifici per evitare di vedere cadere i propri capelli e si spendono cifre pazzesche per avere un miracolo che non avviene. Chi proprio non sopporta di vedersi senza capelli può sempre ricorrere al trapianto, altrimenti si può optare per un parrucchino.

Alopecia cicatriziale e non solo

Ci sono varie forme di alopecia, ma la più infida è quella cicatriziale,caratterizzata da una definitiva perdita dei follicoli dovuta ad ustioni terapie o patologie. Una forma simile di alopecia è presente in chi fa delle terapie per combattere il cancro. Nelle donne i capelli si spezzano e cadono dalla sommità della testa per mancanza di un ormone, si tratta di alopecia androgenetica femminile.

Lavare spesso i capelli procura alopecia?

Alcuni medici sono del parere di non lavare troppo spesso i capelli con shampoo schiumosi e non adatti al proprio cuoio capelluto. I capelli vanno lavati una volta alla settimana e frizionati con dolcezza perché anche un phon troppo caldo e ravvicinato può causare bruciori, ustioni e patologie al cuoio capelluto; così come cambiare sempre colore dei capelli indebolisce il bulbo pilifero, perché si ha a che fare sempre con prodotti chimici. Accettarsi per quello che si è non è facile, ma spesso anche una patologia come l’alopecia può trasformarsi in un punto di forza e di attrazione.

Share:

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *