Fatti e misfattiVideo

Addio a B.B. King, il re del blues si è spento a 89 anni

Mondo della musica in lutto per la scomparsa del re del blues, alias B.B.King. Aveva 89 anni. La leggenda della musica americana si è spento nella sua casa di Las Vegas.

Ha salutato tutti i suoi fan su Facebook con un ultimo post: “Grazie a tutti per le preghiere ed i messaggi” datato al 1 Maggio scorso, prima del definitivo ricovero in ospedale. Poi, il decesso annunciato questa mattina. B.B. King la leggenda del blues se n’è andato. La sua eredità musicale sopravvive nel sound di grandi artisti italiani ed americani, come Zucchero, Eric Clapton, Phil Collins. King era un ragazzo pieno di talento e di speranze, e lo aveva dimostrato già quando lavorava nelle piantagioni di cotone. Erano gli anni 30 e non fu facile per uno di colore come B.B. King dare forma ai suoi sogni in un mondo avvolto dai pregiudizi. Eppure, pochi anni dopo sarebbe entrato nella storia della musica blues, elevato ad icona mondiale. La sua storia inizia nel Mississipi nel 1925

Dal gospel al blues, un amore senza fine

King intona suoni gospel che risuonano come una carezza tra quei campi di cotone che lo hanno visto crescere. Dopo alcuni anni difficili, approda al blues, conferendogli quella personalità che lo consacrerà a music symbol. Tra i pezzi indimenticabili dell’artista, che ne hanno decretato il successo, si ricorda Woke Up This Morning, alla fine degli anni ’40. Ed ancora non si possono dimenticare The thrill is gone, Every day I have the blues, To Know You Is to Love You e I Like to Live the Love. B.B. King ha vineto 15 Grammy Award tra i suoi numerosi titoli e riconoscimenti a livello mondiale. A King hanno guardato con ammirazione ed emulazione i grandi della musica americana blues e rock, da Jimmy Hendrix a Bono degli U2. Il segreto del successo di B.B. è sempre stata la grande umiltà, nascosta dietro quei luminosi occhi neri che ne avevano viste tante di lacrime e sacrifici per portare avanti un sogno: la musica. Suonare e comporre, andando oltre il solito blues hanno fatto di B.B. King una leggenda.

Share:

Rispondi