Home » web tips » Instagram come funziona » Scopri perché smettono di seguirti su Instagram

Scopri perché smettono di seguirti su Instagram

Perdita follower su Instagram

In questo articolo voglio spiegarti perché smettono di seguirti su Instagram  e come fare per non perdere follower. Ti illuminerò sul nuovo algoritmo di Instagram e su come recuperare engagement quando serve. 

Sarà capitato a molti di voi di vedersi ridotto il numero dei seguaci su Instagram, da un giorno all’altro, e così chi fino a ieri aveva 1000 seguaci il giorno dopo se ne trova 800. Che cosa sta accadendo di preciso al tuo profilo Instagram? Alle volte cambiare il tono dei post, dialogare maggiormente con i propri followers, collaborare con le aziende o con un influencer può essere una nuova opportunità per emergere tra le numerose imprenditrici digitali che popolano questo social.

Instagram mi toglie le persone, che fare?  le statistiche dell’account business indicano una grande perdita di follower e questo determina anche un calo dell’ engagement.

Da un lato, potrebbe essere stato causato dall’algoritmo del social network che ha scoperto tra i tuoi followers degli account fake, oppure dei degli hashtag che hanno innescato il famoso “shadows ban”.

Come non perdere follower su Instagram

Continuo a perdere follower su Instagram: le cause

Tra le cause che determinano un calo dei follower ci potrebbe essere anche un eccesso di follow/unfollow, una tecnica che in passato ha garantito l’aumento di numerosi profili, ma che oggi viene vista come spam e come una cattiva pratica.

Perdita di follower Instagram

Chi smette di seguirti è perché non è interessato a quello che tu pubblichi e, dunque, è meglio perdere persone che non sono in linea con il target del tuo profilo, piuttosto che avere una folta schiera di followers inattivi,  che vanno semplicemente a danneggiare la tua vanity metrics.     

Calano i seguaci

In realtà i tuoi seguaci non stanno diminuendo, ma Instagram sta semplicemente eliminando quelli che ritiene dei Ghost followers, o dei fake followers, ovvero persone che non interagiscono con i tuoi contenuti, non commentano, non mettono like, ma figurano solo tra coloro che ti seguono. 

Questo può accadere o perché si è ricorso in passato all’utilizzo di BOT, o perché hanno acquistato account fake per aumentare la popolarità sul social. E Instagram, quando scopre una cosa del genere, di solito, penalizza il profilo riducendone l’Engagement e eliminando questi profili fasulli.

Altre volte, può accadere che ci sia di mezzo una concorrenza sleale da parte dei competitors per annientare il vostro profilo, bombardandovi di account fake, acquistandoli per conto vostro.

Il numero dei tuoi follower su Instagram diminuisce

Potrebbe anche essere accaduto che in passato hai esagerato con il numero di like e con il numero di following, innescando una sorta di frenata della crescita e di un oscuramento, cioè Instagram ha impedito a nuovi utenti di seguirti; oppure,  ha in qualche modo oscurato le tue storie in evidenza o i tuoi post, facendo sì che questi arrivassero a un minor numero possibile di visualizzazione.

Perché una persona smette di seguirti su Instagram

Mettiamo subito in chiaro una cosa: non è detto che ci sia per forza la presenza di un competitor sleale di fronte all’improvviso calo dei tuoi follower, ma potrebbe esserci, invece, una mancata interazione da parte tua nei confronti degli utenti che di solito ti seguono.

Mi spiego meglio: ogni giorno Instagram vuole che noi interagiamo con il maggior numero possibile di persone, soprattutto che dedichiamo a questo social network una certa quantità di tempo giornaliera, perché è un social che si sta proiettando sempre di più nel mondo del marketing, piuttosto che del semplice sharing.

Avere dei follower poco attivi, o essere a propria volta utenti poco attivi, comporta un oscuramento da parte del nuovo algoritmo di Instagram e questo fa sì che, per quanti sforzi si facciano, difficilmente si appaia nella sezione “Explorer” del social network. Ciò non significa che non puoi recuperare- piano piano- l’ engagement risalendo la china, ma ci vuole costanza e impegno e soprattutto il rispetto delle scadenze del proprio piano editoriale. 

Pubblica con costanza

Si può recuperare perseverando con costanza nella pubblicazione di contenuti, anzi più contenuti al giorno si pubblicano, più c’è la possibilità di arrivare a un maggior numero di persone anche a coloro che non seguono abitualmente il tuo profilo. Quindi, il mio consiglio è di aumentare le interazioni dal 20% al 50%.

Tra le nuove modalità della funzione di Instagram c’è, appunto, la possibilità di dividere i propri followers in base a delle liste, che ci permettono anche di decidere con chi condividere determinati contenuti rispetto ad altri- un po’ come già accadeva su Facebook. Selezionare i propri follower, anche quando si condividono delle Stories, non significa ridurre il numero di persone che vedono quelle storie, ma vuol dire poter esser certi che i follower che vedranno sono maggiormente interessati e coinvolti rispetto a quando invece lo facciamo con dei follower fantasma, o fake, che rimangono nella cerchia di amici, ma che non interagiscono con noi (ho scoperto di averne tanti anch’io! Un po’ alla volta li sto eliminando manualmente…).          

Perché comprare follower Instagram ti penalizza

Comprare follower Instagram è sempre sbagliato e ti spiego perché: in passato ciò che contava su questo social per apparire a tutti i costi come migliore e con un maggior numero di seguaci era  comprare follower Instagram- era una pratica che ha attirato molte persone ed anche una scorciatoia per arrivare ad avere facilmente la possibilità di usufruire di una serie di strumenti riservato solo a coloro che superano i 10.000 followers.

Perché smettono di seguirti su Instagram -perdita di follower

Questa strategia andava bene fino a cinque anni fa, così come l’utilizzo di Bot che automatizzavano tutti i processi di like e commenti ad altri profili.

Nel frattempo, mentre il tuo profilo resta bloccato sempre allo stesso numero- gli altri in contemporanea tendono a raddoppiare i propri follower nel giro di poco tempo e con il minimo sforzo. E così ti chiedi se il tuo profilo faccia schifo rispetto a quello degli altri, ma se dai un’occhiata più approfondita ti renderai conto che tra i tuoi follower ci sono numerosi account fake di origine cinese, o turca, o araba. 

Elimina gli account fake

Individuare questi fake è molto semplice, perché di solito hanno zero foto pubblicate e tantissimi follower e following, oppure presentano solo l’immagine del profilo e hanno la cifra zero, sia alle foto, sia ai following che ai follower.

Da qualche tempo, Instagram  permette l’utilizzo della voce “rimuovi follower”, che può tornarti utile per fare una pulizia accurata del tuo profilo- senza esagerare- perché altrimenti si rischia di avere dei blocchi e dei divieti da parte di Instagram.

Quindi, non cadere nella trappola compra 1000 follower a meno di 10 €, perché sebbene ti facciano aumentare il numero di seguaci agli occhi degli altri utenti, in realtà vanno a rovinare completamente l’engagement del tuo profilo Instagram.  Questo social è molto più astuto a captare subito se si tratta di un account reale o di un account falso…

Perdere follower è meglio 

Paradossalmente è meglio perdere il numero di seguaci, piuttosto che acquisirne dei nuovi che sono account fake. Molti brand, oggi, tendono a non guardare più il numero dei seguaci del singolo profilo e, soprattutto, osservano la qualità dei contenuti che vengono pubblicati sugli account degli utenti, che poi diventano loro collaboratori.

Un improvviso calo dei seguaci può essere anche qualcosa di positivo per recuperare in termini di Engagement nei confronti della piattaforma.

Prova ad eliminare- senza farlo in maniera continua, ma con alternanza di ore, o di giorni- almeno 3-4 m profili fake dei tuoi follower, noterai  che ci sarà un aumento della percentuale di engagement.

Mi raccomando, prima di procedere all’eliminazione, devi accertarti che quell’account che stai per rimuovere sia effettivamente un fake.

Non esagerare con le rimozioni, perché si può essere bannato da Instagram e questo comporta un ulteriore penalizzazione:  non ti permetterà di interagire per un tot di ore con gli altri profili, né tantomeno di pubblicare (ci sono passata già, fidati!).               

Come fare se stai perdendo follower

Non credere che anch’io non sia stata soggetta a queste forme di penalizzazione da parte di Instagram. Un tempo, avevo un profilo con una interattività intorno al 3%, ma all’improvviso, nel giro di circa tre mesi, c’è stato un forte calo di followers e una riduzione dal 3% al 2% , e poi dal 2% allo 0,55%. Tutto questo perché in passato avevo fatto molto follow/unfollow-lo ammetto-e ho fatto uso di BOT per l’automatizzazione di determinate azioni, come like e follow/unfollow, per risparmiare tempo e programmare i post. Nulla di più sbagliato! 

Inoltre, proprio agli esordi di Instagram,  mi servivo di quelle app per i like alle foto, che hanno deteriorato fondamentalmente la vanity metrix del mio profilo.

Non ci credi? Se sbircerai sul mio profilo Instagram @vallu82 noterai che pubblico delle belle foto, modestia a parte, e contenuti di una certa qualità con risorse utili per gli altri, eppure faccio ancora fatica a risalire l’engagement (ma non me ne faccio un cruccio, sinceramente!). Si spera nell’aiuto dei REEL, che in qualche modo dovrebbero garantire un aumento delle visualizzazioni e raggiungere sempre più utenti. 

Hai già visto il mio profilo Instagram?

Se vuoi sapere di più

Per concludere, ti consiglio di fare sempre molta attenzione al tuo profilo  e di curare in maniera ossessiva il tuo Instagram account. Occhio, rendi pubblico il tuo profilo solo quando sei certo che tutti i follower che hai siano persone realmente interessate a quello che pubblichi e a quello che scrivi.

E quando noti che qualche strano individuo, mancante di foto o con troppi following, sta iniziando a seguirti, tendi a rimuoverlo prima che possa danneggiarti.

Per il resto, pubblica secondo i tuoi tempi e divertiti, perché Instagram è anche questo: un diario visual!                    

Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *