Curiosità

Ancor prima di nascere, la nuova provocazione di Giusy Cristiano

Questo slideshow richiede JavaScript.

NAPOLI- Tutti la ricorderanno per le foto “provocatorie”, che lei stessa ha divulgato (spesso immortalata senza veli) sul web con lo slogan: “Io non voto”. Poi, la provocazione ha superato i confini social ed è scesa in strada con poster affissi un po’ in tutte le strade del capoluogo campano. E per questa idea un po’ “sopra le righe”  ha subito anche violenze fisiche. Lei è Giusy Cristiano, 28 anni,casertana di nascita e  napoletana di adozione, praticante psicologa con l’aspetto di una soubrette. La psicologa non si è lasciata fermare dalla paura e dalla violenza e ha lanciato il suo nuovo progetto “Ancor prima di nascere”, uno short video in cui affronta i problemi della violenza sulle donne e dello stalking.

 

Giusy Cristiano, provoca e non molla



250x250_generico

Giusy Cristiano ha subito in prima persona atti di violenza, dopo la campagna anti-elettorale che l’ha resa famosa in tutta la Campania. La psicologa fu aggredita sotto casa da alcuni sconosciuti, due uomini e una donna a bordo di uno scooter. Era notte fonda e la Cristiano rientrava a casa quando fu colpita con calci e pugni dai tre malviventi, scagnozzi mandati da chi non aveva gradito le provocazioni della ragazza. Giusy non si è lasciata intimorire dalle minacce e dalle offese subite e ha continuato ad elaborare idee. Il suo short video “Ancor prima di nascere” a cura di Luca Volpe e Marco Pratticò è stato presentato a Venezia in occasione del Festival del Cinema ed ora si appresta a portarlo in tour, toccando come prima tappa proprio Napoli, dove è nato tutto, il prossimo 18 ottobre, poi proseguirà a Torino, Lecce, Pescara.

Presto un tour con “Ancor prima di nascere”

La voce di una donna si trasforma in eco per tutte le altre. Ognuna dovrebbe essere libera di esprimersi e di denunciare, dovrebbe avere la possibilità di cambiare idea e di poter scegliere da che parte andare. E’ proprio questa l’immagine forte che emerge dal demo presentato alla mostra di Venezia: una Giusy Cristiano, imbavagliata con un nastro adesivo, scapigliata e dal volto provato, che decide di uscire dal silenzio.  Un progetto in fieri che promette nuove eclatanti provocazioni a fini più che “leciti”: la libertà delle donne.



COMPRA I MIGLIORI OCCHIALI DA SOLE FIRMATI AL MONDO

Share:

Rispondi