World Vegan Day, a tavola con consapevolezza

Valeria Russo
no comments

Avete mai provato a mangiare vegano? Non è facile avvicinarsi alla filosofia alimentare, o meglio allo stile di vita, proposto da questo movimento animalista. Però un modo per capirne di più su di loro c’è. I Vegani di tutto il mondo si riuniscono ogni anno il 1 novembre che, oltre ad essere il Ponte di Ognissanti, è anche il World Vegan Day, ovvero la Giornata Mondiale dei Vegani.

Cosa significa vegano e perché tutti ne parlano?

Non sono persone venute da altri pianeti, ma individui che si battono per la tutela degli animali. La loro battaglia è finalizzata a contrastare ogni sfruttamento animale. E così i vegani, il cui movimento ebbe origine proprio il 1 novembre nel 1944, giornata storica da ormai 74 anni, si nutrono solo di fibre vegetali, e fin qui potrebbero essere considerati affini ai vegetariani. Ma qual è la differenza tra vegano e vegetariano? Mentre quest’ultimo elimina solo la carne animale dalla propria dieta, i vegani mettono al bando anche uova, latticini e miele, pane, cioè tutto quello che viene prodotto attraverso gli animali. E stesso discorso vale per crème e cremine varie fatte con il grasso animale. Dunque, essere vegano vuol dire adottare uno stile di vita diverso dal solito nel pieno rispetto del mondo animale. E non bisogna stupirsi se chi abbraccia l’universo vegano rifiuti pellicce, vestiti di seta o di lana. E allora come proteggersi dal caldo e dal freddo? Semplicemente con abiti di lino,canapa e cotone. Il menù vegano è rigorosamente green: cereali integrali, legumi e frutta secca, scarole, spinaci, frutta, ma anche tofu, margarina di soia,burro di cocco. Mangiare vegano vuol dire amare la semplicità a tavola, rispettando gli animali. Il cibo vegano non è meno buono di quello della dieta mediterranea. È solo una questione di scelte di vita: se chiedete a un vegano cosa mangia e a cosa rinuncia, vi risponderà che non soffre senza mangiare uova o una bella mozzarella di bufala.

Cosa significa vegano?

Consumare alimenti con consapevolezza. E non hanno torto. È stato dimostrato anche dagli esperti che il cibo vegano protegge da molte patologie perché riduce l’apporto di grassi animali, ma a lungo andare il fisico ne risente perché l’organismo per restare in perfetto stato di salute ha bisogno di una riserva equilibrata di tutti i nutrienti. Intanto, oggi solo cibo sano in tavola!

Categories:

About Valeria Russo

Giornalista Pubblicista...“curiosa al punto giusto”. Amante dei viaggi e della cucina. Come reporter ha esordito sul quotidiano Il Roma nel novembre del 2007. Ha collaborato con testate on line come: NapoliVillage.it, Julie News, NapoliToday.it, il Mattino, HuffPost, Blasting News. E' sempre “on the road” a caccia di verità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l'informativa estesa sui cookie<br>
<a href="https://www.lecodellaverita.it/cookie-policy/">Informativa estesa cookie</a>
<a href="https://www.lecodellaverita.it/informativa-privacy/">Informativa Privacy</a>.