Da non perdere

Torino, la Giovine Italia terra di migranti rosa

spettacolo la Giovine Italia

TORINO – Martedì 21 Giugno 2016 nella Sala conferenze di IRES Piemonte (Via Nizza, 18), verrà presentato il progetto artistico La Giovine Italia MariaKhadijiaIlariaIkram………Italia a cura della compagnia teatrale Almateatro – nato nell’ambito del bando MigrArti promosso dal MIBACT – per riflettere sul rinnovamento culturale della società contemporanea messo in atto da persone provenienti da numerosi paesi del mondo, con un’ottica rivolta alle migrazioni femminili e con particolare attenzione verso le giovani generazioni, autentico ponte tra i propri genitori ed il futuro che li attende in questo Paese.

La presentazione dello spettacolo La Giovine Italia – con il patrocinio della Città di Torino e della Circoscrizione 8, grazie anche al supporto dell’Istituto di Ricerche Economico Sociali del Piemonte (IRES Piemonte), dell’Associazione IIDA Italia ONLUS e dell’Agenzia per lo Sviluppo locale di San Salvario – sarà occasione per uno spazio di confronto e di approfondimento sulla condizione delle seconde generazioni attraverso la tavola rotonda “Giovani stranitaliani ci guardano”, che affronterà le tematiche relative a diritti di cittadinanza, ricchezza culturale, difficoltà e visioni di futuro.

Fra gli ospiti, il tavolo vede la partecipazione di Monica Cerutti, Assessora alle Politiche giovanili, Diritti civili, Immigrazione della Regione Piemonte; Ilda Curti, Coordinatrice network città interculturali del consiglio d’Europa; Maria Perino, Università del Piemonte Orientale – Progetto SECONDGEN; Lorenzo Trucco, Avvocato Presidente ASGI; Vanessa Maher, Antropologa, autrice dei libri “Genitori migranti” e “Il potere della complicità”; Roberta Ricucci, Professore Associato Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università degli Studi di Torino, autrice del libro “Cittadini senza cittadinanza”; Renata Pepicelli, Docente Università Luiss di Roma e co-curatrice del libro “Giovani musulmane in Italia”; Enrico Allasino, Sociologo, IRES Piemonte;
Luisa Zhou e Ikram Mohamed, giovani partecipanti al progetto teatrale “La Giovane Italia”.

Tema centrale dello spettacolo “La Giovine Italia” è il rapporto fra prime e seconde generazioni raccontato al femminile, attraverso il legame tra le madri e le figlie. La prospettiva da cui parte Almateatro è quella di genere, perché questa è la peculiarità artistica e politica che la compagnia pratica dal 1993 e che la contraddistingue da circa venti anni.

In scena scorre la narrazione delle Madri, arrivate in Italia negli anni ‘80 e ’90 o protagoniste delle migrazioni interne, e quella delle Figlie. Un racconto che indaga le scelte e le riflessioni sul mondo di oggi e pone questioni sul rapporto con i paesi d’origine dei genitori, sui diritti e sulle discriminazioni e sul futuro di convivenza da costruire in un’Europa che innalza muri, attraverso ricordi, pensieri, discussioni, visioni di vita, valori trasmessi e ricevuti, che districano nodi culturali, geografici e linguistici.

Il testo dello spettacolo è frutto di una drammaturgia corale che nasce dall’attività laboratoriale delle attrici della Compagnia Almateatro, insieme alle ragazze nate in Italia o giunte qui, per ricongiungersi alla famiglia. Lo spettacolo andrà in scena il 29 e 30 giugno 2016 alle ore 21.00 al Teatro Vittoria (Via Gramsci 4, Torino). L’ingresso è gratuito.

Prenotazione consigliata fino ad esaurimento dei posti disponibili:

olivia.buttafarro@associazioneaurea.org | +393333602053
veronica.sisinni@gmail.com   | +393470681604

C.S.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share:

Rispondi