Profumi afrodisiaci potenti nel gioco dell’attrazione

profumi afrodisiaci per l'amore

Che fatica essere belle! Ogni giorno spendiamo una fortuna in cosmetica e tempo davanti allo specchio. E poi, magari dimentichiamo che la passione è tutta una questione di naso. Sarà capitato a tutte di sentirsi dire “che bel profumo che hai!”.

Ebbene sì, ognuno di noi lascia il segno nelle altre persone in base al proprio odore e se quest’ultimo sa di buono, ancora meglio! Avere una fragranza gradevole migliora i rapporti sociali e fa sentire più sicuri di sè! L’olfatto è uno dei cinque sensi maggiormente sensibile al richiamo dell’istinto e dei profumi afrodisiaci.

Quali profumi afrodisiaci usare?

Spesso l’attrazione fisica è scatenata da un mix di profumi che dal naso arrivano a quelle aree del cervello preposte all’ attivazione del desiderio sessuale. Ad esempio, l’olio essenziale per l’amore è davvero molto potente. In che senso? Oltre ad avere un’azione antidepressiva, è efficace anche contro i disturbi della sessualità.

olio essenziale afrodisiaco

L’olio essenziale infatti agisce come potente afrodisiaco che rilassa e riscalda il corpo, combattendo impotenza e frigidità. Come fare un profumo afrodisiaco? Basta diluire tre gocce di questo olio in un po’ di miele e aggiungerlo all’acqua del bagno in cui poi ci si immergerà per lasciarsi avvolgere da questa essenza. E dopo sarete irresistibili. E così come alcuni cibi, anche il profumo può facilitare la risposta sessuale. Tra i profumi sensuali vanno ricordati quelli contenenti note di gelsomino, rosa, patchouli, ylang ylang, tuberosa.

Profumo come farlo durare?

Spesso il profumo e le sue proprietà afrodisiache hanno ispirato le pubblicità con protagoniste sensuali come JLo, Julia Roberts, Charlize Theron. Se è vera la regola “gli uomini desiderano, le donne vogliono assomigliare” ecco che il profumo svolge un ruolo fondamentale nel gioco della seduzione. E allora vai di spruzzo qua e là per lasciarsi trasformare in una donna sensuale pronta a mietere vittime…però non bisogna esagerare! Infatti, bastano poche gocce di profumo sui polsi, dietro le orecchie e tra i capelli per stuzzicare gradevolmente i sensi dell’altro sesso.

Chi invece si spruzza mezza bottiglietta di profumo, oltre a danneggiare l’ambiente, rovina anche l’atmosfera intrigante risultando addirittura disgustoso. La scelta del profumo è davvero molto soggettiva ed ecco perché i profumi personalizzati sono davvero difficili da regalare ad una ragazza o a un ragazzo. Altra questione è come far durare a lungo il profumo. Secondo gli esperti del settore cosmetico ci sono alcuni piccoli trucchi da seguire per essere tutto il giorno al top: prima di tutto va tenuto presente che i profumi non sono tutti uguali (alcuni sono più leggeri ed evaporano in pochi minuti, altri sono più intensi e hanno una durata maggiore), pertanto bisogna scegliere le fragranze giuste come quelle speziate e legnose piuttosto che quelle agrumate; ma non basta usare solo l’eau de parfume per far durare le note piacevoli sul proprio corpo.

profumi afrodisiaci 2

È consigliato lavarsi anche con un gel doccia della stessa linea di profumazione e vaporizzare di tanto in tanto anche l’eau de toilette dello stesso tipo. La combinazione di questi tre prodotti contribuirà a rendere duraturo il profumo per tutto l’arco della giornata. Inoltre, si deve evitare di sfregare il profumo tra i polsi o dietro al collo perché in questo modo si romperanno le molecole e se ne disperderà l’essenza.

E così sembrerà di non sentire più la fragranza acquistata. Il momento ideale per cospargere il corpo di profumo è dopo la doccia quando i pori sono più aperti e ricettivi. Inoltre, se proprio si ha voglia di profumare 24 ore di seguito si può sempre optare per un mini stic di profumo da portare sempre con se è da vaporizzare in orari diversi della giornata.

Perché il profumo fa venire il mal di testa?

La maggior parte delle emicranie scoppiano in seguito ad un’eccessiva intensità di profumi. Ecco perché molti evitano di entrare in profumeria per non farsi cogliere da osmofobia, patologia di cui soffre il 45% delle donne e il 33% degli uomini. Respirare troppo profumo porta all’emicrania oftalmica, a cui si accompagnano vertigini e nausea. Come si può combatterla? Eliminando alla radice il problema: niente profumi con note troppo forti come tabacco, spezie, vaniglia…

I profumi hanno proprietà afrodisiache, tanto che alcuni hanno pensato bene di inserire nelle fragranze dei feromoni (sostanze prodotte negli animali per attirare il maschio o la femmina e invitarlo all’accoppiamento). Quest’ultimi sono prodotti naturalmente nel nostro organismo, sebbene in quantità ridotte rispetto al regno animale.

Se questi feromoni vengono introdotti in una fragranza di profumo svolgeranno un’azione attrattiva maggiore nei soggetti che ne inaleranno le note. I feromoni veicolano una serie di messaggi olfattivi nel regno animale. Non è detto che abbiamo la stessa funzione anche tra gli umani.

Sebbene alcuni scienziati neghino l’esistenza di questi ormoni nell’essere umano, c’è un’altra parte che li ritiene alla base delle relazioni tra uomo e donna. Tra le varie case cosmetiche che si sono orientate in questa direzione c’è Christian Dior che nel nuovo Eau Savage ha inserito un elemento l’ Hedione capace di far accendere gli ormoni femminili.

E dulcis  in fundo tra i profumi femminili più cliccati sul web c’è PHIERO WOMAN  che promette approcci diretti con l’altro sesso e sensazioni nuove. Ciò che è certo è che in questo duello a colpi di naso sono tutti vincitori.

Follow:
Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La news del mese

Cosa vedere a Napoli? Pier Macchiè e le sue performance

Cosa vedere a Napoli? Pier Macchiè e le sue performance

Che fatica essere belle! Ogni giorno spendiamo una fortuna in cosmetica e tempo davanti allo specchio. E poi, magari dimentichiamo che la passione è tutta una questione di naso. Sarà capitato a tutte di sentirsi…

Continua a leggere

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie

Informativa estesa cookie
Informativa Privacy.