Pillole di benessere

Pressione alta, come abbassarla subito? Un nemico silenzioso

pressione alta

Pressione alta, (ovvero superare i valori 90 di minima ed i 140 di massima) basta un attimo a scatenarla. Come è possibile? I fattori sono molteplici e non tutti sono legati solo ad una predisposizione congenita. Bisogna stare attenti all’alimentazione, ma anche agli scatti d’ira. Ogni anno solo il 35% della popolazione della Penisola è sotto controllo medico, il restante 65% spesso è ignaro di soffrire di ipertensione lieve o alta.

Pressione alta sintomi da riconoscere in tempo 

Un improvviso giramento di testa ed una forte sensazione di calore sono i primi campanelli d’allarme che indicano un innalzamento della pressione. Spesso è difficile identificarla, perché è una patologia silente e per diagnosticarla andrebbe osservata nel tempo tramite un apposito misuratore di pressione e sottoponendosi ad un holter al cuore. Esiste un tipo di pressione essenziale che è determinata da vari fattori ambientali quali: stress, fumo in eccesso, obesità, scarsa attività fisica o cibi troppo salati.

Diversamente la pressione secondaria è da ricondursi ai reni ed ha gli stessi effetti della pressione essenziale. Avere la pressione alta non vuol dire essere condannato a morte, soprattutto se quest’ultima si mantiene alta ma costante nel corso degli anni. A lungo andare livelli troppo alti non tenuti sotto controllo e non modificando il proprio stile alimentare e di vita può comportare un rischio elevato di ictus, infarto e dunque la morte.

Pressione alta in gravidanza, che fare?

Durante la gravidanza si è maggiormente predisposte ad un aumento dei livelli pressori, noto come pressione gestazionale, che si sviluppa dopo le prime 20 settimane. Questa patologia, se così possiamo considerarla, va diagnosticata in tempo e in modo approfondito, in quanto non sempre è rilevabile la presenza di proteine nelle urine. E spesso, chi soffre di pressione alta in gravidanza può sviluppare la preeclampsia, ovvero una complicazione della gravidanza per la presenza appunto delle proteine nelle urine con gravi rischi sia per la madre sia per il bambino: distacco della placenta, parto prematuro, malattie cardiache. In tutti questi casi è bene praticare attività fisica, abolire il fumo, fare il pieno di frutta e verdura, affidandosi sempre alla cura ed ai consigli del proprio medico ginecologo di fiducia. E soprattutto bisogna cercare di vivere serenamente, cercando di arrabbiarsi il meno possibile, anche se il più delle volte non dipende da noi, ma dagli scherzi ormonali.

Pressione alta cosa mangiare? 

E’ davvero difficile rinunciare a ciò che ci piace, a quegli alimenti che stimolano le nostre papille gustative e che allo stesso tempo provocano notevoli danni al nostro sistema cardiovascolare e quindi al cuore. L’ipertensione è provocata soprattutto dal sale e da cibi molto grassi. Quali sono? Gli esperti dell’alimentazione consigliano vivamente di evitare cibi in scatola, ketchup, sottolio e sottaceti, cibi surgelati, salsa di soia, taleggio e grana, ma anche carciofi e polipi, carni in scatola e spinaci. Insomma, leggendo questo elenco potrebbe venire naturale esclamare “E allora non mangio più nulla”.

 

pressione alta

E’ ovvio che voler stare bene con se stessi e quindi amarsi comporta sacrifici di tal genere, ma è anche vero che possiamo tranquillamente cuocere a vapore piuttosto che friggere, condire con le spezie i piatti invece che con il sale. Il soggetto iperteso va tenuto a regime e non è detto che debba essere costretto a vivere con la pillola della pressione per tutta la vita.

Pressione alta come abbassarla in pochi minuti

Tutti ci saremo trovati almeno una volta di fronte ad un familiare con un improvviso sbalzo pressorio e saremo stati presi dal panico. Quando si scatena la pressione alta cosa fare? E’ possibile abbassarla in poco tempo e senza perdere la calma: bere almeno due bicchieri di acqua non troppo fredda per stimolare una immediata diuresi che contribuirà a ridurre i valori pressori alti; distendersi e, se la persona si sente ancora agitata, assumere una pillola di valeriana, o una tisana a base di tiglio, camomilla e biancospino, erbe note per le loro proprietà calmanti. Spesso siamo di fronte ad una ipertensione alta da ansia che genera l’aumento dei valori pressori e viene confusa con un episodio di vera e propria ipertensione.

Pressione alta rimedi naturali

E’ da anni che, accanto ad una cura medica tradizionale contro la pressione alta, si è sviluppata una strada parallela della omeopatia. Ci sono infatti alcuni alimenti in natura che hanno delle notevoli proprietà calmanti e riducono di molto la pressione sanguigna, tra questi c’è l’aglio, detto anche “amico del cuore”, che grazie alla allicina vasodilata i vasi sanguigni. Basta consumarlo crudo all’insalata o assoluto per godere dei suoi benefici (scopri di più su blog giallo zafferano). Sono ottime nel combattere la ipertensione anche le cipolla, le foglie di ulivo ad azione ipotensiva e il vischio. Prima di allarmarsi e temere di essere ipotesi è consigliabile misurare la pressione almeno una volta a settimana, tenendo presente che al risveglio e verso sera la pressione arteriosa è sempre più alta rispetto al solito valore.

*(Immagine fonte: il web)
Share:

Rispondi