Home » Benessere medicina » Pillola e cellulite: la guida completa ai tuoi dubbi

Pillola e cellulite: la guida completa ai tuoi dubbi

Pillola e cellulite: ci sono delle connessioni tra i due elementi, proprio perché la pillola anticoncezionale contiene degli estrogeni, che tendono ad aumentare la ritenzione idrica nel corpo femminile.

A tal proposito, molte donne in Italia non assumono la pillola anticoncezionale per timore di vedere il proprio corpo gonfio e pieno di buchi antiestetici.

Gli estrogeni quindi favoriscono il formarsi di cuscinetti adiposi. Questi inestetismi si concentrano maggiormente su fianchi e glutei e parti posteriori dei quadricipiti femorali. Un vero incubo per le donne!

La cellulite, oltre che a riconoscerla, l’abbiamo imparata anche un po’ a conoscerla. Dunque, come possiamo intervenire per eliminare o meglio per prevenire la cellulite da pillola?

Pillola e ritenzione idrica 

Da sempre la cellulite è stata definita la “non malattia” più investigata ed è spesso causata da una cattiva circolazione, che può determinare gonfiore degli arti inferiori. Normalmente è determinata anche da alterazioni ormonali e vascolari.

Oltre ad una predisposizione ereditaria, a causare la cellulite è anche un eccesso di stress, accompagnato da una cattiva alimentazione, e l’assunzione di pillole anticoncezionali, ricche di estrogeni e di ormoni che incrementano la ritenzione idrica e agiscono sul nostro tessuto adiposo impattando sul microcircolo.

La pillola anticoncezionale può portare ad un aumento di peso, che varia da donna a donna. Per rimediare a questi effetti collaterali basta camminare almeno 30 minuti al giorno, oppure praticare massaggi anticellulite e scegliere anche degli integratori a base di Centella asiatica.

Non aspettatevi miracoli dall’oggi al domani: bisogna essere costanti nell’allenamento e nella dieta corretta ed equilibrata.

Effetti collaterali pillola 

Uno degli effetti collaterali comuni a molte donne è sicuramente il senso di pesantezza alle gambe e di gonfiore al ventre; di qui anche la nascita di cuscinetti adiposi, dovuta agli sbalzi ormonali e alla presenza di estrogeni nella pillola anticoncezionale.

Tra i rimedi che vengono consigliati dai medici non c’è solamente esercizio fisico, ma anche l’assunzione di ben oltre 2 l di acqua al giorno per combattere la ritenzione idrica. Solo l’azione combinata tra sport, dieta e assunzione di liquidi può garantire risultati efficaci.

Ritenzione idrica pillola come funziona?

Per combattere la ritenzione idrica, e quindi l’accumulo di liquidi che ristagnano, si può assumere un integratore davvero efficace: la linfa di Betulla, oppure la Thuia. 

Quando la pillola viene interrotta dopo sei mesi di assunzione, la cellulite tende a essere un ricordo; ma se è la si assume da più di un anno, può essere che questo tipo di inestetismo continui a restare sulla propria pelle.

In tal caso, è necessario assumere degli antiossidanti a base di selenio vitamina E, A e C per mantenere la pelle più elastica; oppure, è benefico utilizzare integratori come centella asiatica, ginko biloba o integratore a base di Pilosella.

Praticare anche dei massaggi tre volte a settimana con creme a base di caffeina ed ippocastano favorisce la microcircolazione.

Pillola anticoncezionale e cellulite

Purtroppo, è stato provato che la pillola anticoncezionale fa venire la cellulite, però, seguendo una dieta alimentare sana e uno stile di vita attivo si può in qualche modo prevenire l’insorgere di questo disagio. La cellulite comporta anche delle conseguenze sulla propria autostima.

Se si vuole contrastare la cellulite  non va sottovalutato l’abbigliamento, che ha una certa influenza nella prevenzione e nella cura della cellulite causata da pillola; infatti, indossare i pantaloni molto stretti può portare ad una riduzione della microcircolazione, che ristagna e crea questa pelle a buccia d’arancia su glutei e cosce.

Non tutte le pillole anticoncezionali sono identiche, ma il dosaggio degli estrogeni varia a seconda del tipo di prodotto: possiamo avere pillole light, ultra light e media.

Cellulite e pillola nemiche per la pelle

Pillola e cellulite possono andare d’accordo, basta assumere le quantità indicate dal proprio ginecologo. E così le donne in età adolescenziale e quelle fino a 25 anni hanno paura di aumentare di peso e iniziano una dieta, preferendo metodi contraccettivi naturali, perlopiù inefficaci, piuttosto che prendere la pillola anticoncezionale.

I contraccettivi di nuova generazione hanno dei dosaggi di estrogeni più bassi, ciò favorisce l’assunzione di questo tipo di pillola, sebbene sia sempre opportuno ricorrere al proprio ginecologo per scegliere quella più appropriata al proprio stato di salute.

È stato appunto dimostrato che la pillola provoca la ritenzione idrica, ma che con la sospensione dell’assunzione, la problematica estetica tende a diminuire, perché l’organismo è come se tornasse alla normalità.

Attenzione però: se si è affetti da determinate patologie è necessario parlare con il proprio ginecologo prima di interrompere l’assunzione della pillola.

Interrompo pillola cellulite andrà via?

La pillola fa venire la cellulite. Questo è un dato di fatto.

La buccia d’arancia tenderà a ridursi, ma non sparirà, una volta interrotta l’assunzione del contraccettivo,  poiché ogni donna ha la cellulite come caratteristica femminile.

Non esiste una donna senza cellulite; ma non tutte hanno la stessa quantità di adipe, pertanto, può succedere che chi ha una quantità ridotta di cellulite, una volta smessa la pillola, la vedrà sparire completamente dopo un paio di mesi. 

La pillola contraccettiva è usata ormai da milioni di donne tutto il mondo per evitare gravidanze indesiderate o per ragioni di carattere medico.  

Oltre ad avere una funzione anticoncezionale, la pillola ha anche dei benefici sul ciclo mestruale regolarizzandolo e rendendolo meno doloroso. 

Inoltre, se assunta in modo corretto, la pillola può curare fibromi ed endometriosi e altri disturbi, causati da squilibri ormonali.

Tra i risvolti positivi della pillola  anticoncezionale c’è anche la capacità di ridurre la probabilità di contrarre il tumore all’utero.

Uno degli svantaggi nell’assunzione della pillola è sicuramente la riduzione delle probabilità di rimanere incinta in seguito.

E poi anche il muco cervicale diventa più spesso e quindi le pareti dell’utero si assottigliano. Tutte condizioni che precludono ad una futura gravidanza. C’è da metterlo in conto. 

Sebbene ci sia ancora un po’ di ansia nelle donne, va ricordato che i contraccettivi di nuova generazione presentano dosaggi di estrogeni più bassi, che riducono il rischio di prendere peso e di andare incontro ad altri effetti indesiderati.

Dunque, non c’è da temere: assumere la pillola contraccettiva per curare altre patologie, o per prevenire una gravidanza, non fa diventare per forza “palle rotolanti con buccia d’arancia ovunque”.

Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *