La denuncia

Napoli, Circumvesuviana tra scioperi selvaggi e degrado

NAPOLI-Continuano gli scioperi selvaggi della circumvesuviana di Napoli a ridosso della festività del 1 Maggio. Si rischia di ricadere mell’empasse dello scorso 25 Aprile. Una preoccupazione che ha manifestato in primis Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi: “Un ennesimo sciopero soprattutto a ridosso delle festività potrebbe aggravare la situazione già incresciosa a Napoli, proprio ora che c’è un turismo avviato e ben concentrato nella zona vesuviana- ed aggiunge-i sindacati dei lavoratori EAV dovrebbero rimboccarsi le maniche ed essere solidali con la gente che viaggia,creando anche un clima di tranquillità dopo tante aggressioni ai danni dei controllori”.

Caos Circumvesuviana di Napoli

La circumvesuviana è l’unico mezzo ferroviario a percorrenza veloce che permette ai lavoratori pendolari di trovarsi al posto di lavoro all’ora stabilita, “ma questa è solo teoria, perché alcune corse saltano all’ improvviso e chi si è già avviato a prendere un posto a sedere viene sballottolato senza pietà e deve viaggiare come una sardina in scatola” denuncia Pietro T. impiegato di banca a Napoli, residente a Castellammare di Stabia ed aggiunge-Ogni mattina mi sveglio prestissimo per prendere la circumvesuviana e quasi sempre son costretto ad aspettare la corsa successiva, soffrendo per trovare un posto a sedere e sopportando affollamenti fastidiosi e spesso pericolosi”.

Rapinatori scatenati nella Circumvesuviana 

Della stessa opinione Maria E. di Pompei, venticinque anni, cameriera di un noto albergo napoletano: “Dobbiamo fare spesso i conti con i rapinatori e sono stufa di non trovarmi più il portafogli o il cellulare. Di solito ci sono sempre due malviventi che operano nella folla, uno ti da uno spintone esagerato, mentre l’altro finge di criticare il gesto, ma poi approfitta della folla e opera nello svuotare le tasche”. La parte peggiore capita ai turisti, ignari di tutto e quando arrivano in loco si accorgono di non avere più neppure la valigia.Maria replica: “Gia il viaggio costa abbastanza, le carrozze a volte sono maleodoranti con tanta gente sudata o che non si lava, per cui c’è il rischio di infezioni”.

La circumvesuviana, un tempo fiore all’occhiello della città come mezzo di comunicazione veloce tra il Vesuvio ed il capoluogo, oggi diventa un handicap per tutti.

Share:

Rispondi