Fatti e misfatti

Napoli, addio a Salvatore Cantalupo, l’uomo dei cani

Questo slideshow richiede JavaScript.

NAPOLI- La città ha perso un altro dei suoi volti simbolici, un esempio di cittadino attivo e sensibile ai bisogni degli altri.  Non lo si vedrà più aggirarsi per via Toledo con i suoi 8 cani a guinzaglio, l’abbronzato e simpatico signore, scambiato da tutti per un dog-sitter, ma in realtà ben più di questo. Non portava i cani a spasso dietro pagamento, perché in realtà quei cuccioli erano tutti suoi. Salvatore Cantalupo, questo il nome dell’uomo, meglio noto come l’ “uomo dei cani”, è scomparso dopo un malore che lo ha colto all’ improvviso, mentre si accingeva alla sua solita passeggiata tra Piazza Plebiscito e Via Toledo. Spalle grandi, cuore immenso e un sorriso sempre lieto quando osservava i suoi piccoli amici. Camminava fiero e si lasciava scattare foto dai numerosi turisti incuriositi da quello spettacolare amore tra uomo e animali. Spesso Salvatore si fermava, nel primo pomeriggio, al crocicchio di anziani canterini all’uscita della Galleria Umberto,  e con la loro band improvvisata intonava “O Sole mio”.


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!

L’ uomo dei cani lascia un esempio di umanità

Ieri mattina, è stata annunciata la sua morte improvvisa e dolorosa non solo per i suoi familiari, ma soprattutto per quegli 8 cani, rimasti orfani di padrone. Salvatore Cantalupo era innamorato degli animali, non sopportava di vederli soli e abbandonati e così appena trovava un cucciolo o cani randagi, se ne prendeva cura e li portava con sé nella sua abitazione su Quartieri Spagnoli, dove oggi è lutto per tutti. “Salvatore era un uomo buono, un animalista convinto e quando usciva con quegli 8 cani al seguito era sempre un piacere osservarlo e scambiarci una battuta. Ci mancherà moltissimo” ha dichiarato uno dei commercianti della zona.  Molti di quei cani, cresciuti da Salvatore, sono ormai anziani, in cerca di una nuova sistemazione, intanto c’è chi mormora che dal Paradiso, Cantalupo non smette di seguire i suoi amici a 4 zampe.

Share:

1 comment

  1. Napoli, addio a Salvatore Cantalupo, l’uomo dei cani | Feedelissimo Attualità 22 gennaio, 2016 at 03:28 Rispondi

    […] NAPOLI- La città ha perso un altro dei suoi volti simbolici, un esempio di cittadino attivo e sensibile ai bisogni degli altri.  Non lo si vedrà più aggirarsi per via Toledo con i suoi 8 cani a guinzaglio, l’abbronzato e simpatico signore, scambiato da tutti per un dog-sitter, ma in realtà ben più di questo. Non portava i cani a spasso dietro pagamento, perché in realtà quei cuccioli erano tutti suoi. Salvatore Cantalupo, questo il nome dell’uomo, meglio noto come l’ “uomo dei cani”, è scomparso dopo un malore che lo ha colto all’ improvviso, mentre si accingeva alla sua solita passeggiata tra Piazza Plebiscito e Via Toledo. Spalle grandi, cuore immenso e un sorriso sempre lieto quando osservava i suoi piccoli amici…. Leggi l’intero articolo su: http://www.lecodellaverita.it/napoli-addio-a-salvatore-cantalupo-luomo-dei-cani/… […]

Rispondi