Pillole di benessere

L’onda social di #fightforlight: la ricerca dona speranza

ricerca scientifica malattie rare

MILANO-La luce, questo bagliore che colpisce i nostri occhi e riproduce i colori, le forme, ci fa ammirare i paesaggi, le bellezze e fissa i momenti in ricordi eterni. Ci siamo mai chiesti che cosa accadrebbe se venisse meno? Piomberemmo nelle tenebre e nell’angoscia della solitudine.  Da studi recenti è emerso che sempre più persone si ammalano agli occhi e perdono questa preziosa amica, cadendo nel buio dello sconforto.

E’ la terribile realtà che ogni giorno vivono milioni di persone nel mondo, colpite da malattie rare agli occhi. Il prossimo 28 febbraio si celebra la Giornata delle Malattie Rare, giunta alla sua decima edizione, e sono tantissimi gli enti che si sono messi all’opera per sensibilizzare su questo tema così importante e delicato, spesso trascurato dall’informazione mediatica.

La ricerca scientifica abbatte gli ostacoli della disperazione

Una delle campagne di sensibilizzazione per l’occasione è #fightforlight, promosso da Dompé- azienda biofarmaceutica impegnata da sempre nella ricerca contro le malattie rare- e prenderà il via nel corso dell’evento di lancio previsto il 21 febbraio alle ore 18.30 a Milano. In tale occasione  sarà presentato un cortometraggio dal titolo “The Woods”, la storia di un uomo, interpretato da Gabriele Mainetti, avvolto dal buio di una selva, alla disperata ricerca della luce tra sconforto, angoscia e mille ostacoli, metafora di quanti ogni giorno sono colpite da malattie rare agli occhi e lottano nella speranza che il progresso scientifico possa restituire loro un po’ di quella luce svanita.

Un cortometraggio diventa metafora dei progressi della ricerca

Il video è stato ideato dall’agenzia Saatchi & Saatchi con la regia di Roberto Saku Cinardi e realizzato da Think Cattleya, con la partecipazione straordinaria di Gabriele Mainetti, attore e regista di “Lo chiamavano Jeeg Robot”.  Il video sarà visualizzabile e disponibile per la condivisione sui social sul canale Youtube Dompé e con una sezione dedicata sul sito aziendale. Dompé è una delle principali aziende biofarmaceutiche in Italia, con sede a Milano ed un polo industriale a l’ Aquila, che da anni investe in attività di ricerca e sviluppo per trovare una cura a patologie rare collaborando con le varie sedi estere in Albania, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e negli Stati Uniti (New York).

L’azienda ha portato avanti con la ricerca scientifica continua gli studi per i quali Rita Levi Montalcini vinse il Premio Nobel per la Medicina nel 1986, ovvero il Nerve Growth Factor (fattore di crescita nervoso). Proprio quest’ultimo Dompé ha sintetizzato nei propri laboratori de L’Aquila mettendo a punto un farmaco che attualmente è in fase di approvazione dalle autorità regolatorie europee che devono esprimersi sulla possibilità di immissione in commercio. Uscire dal buio è possibile solo se si dà fiducia alla ricerca. Il 28 febbraio sarà un giorno importante per accendere una luce simbolica per tutti.

Share:

Rispondi