TUTTE LE NOTIZIE

Le cinque curiosità su Parigi da scoprire e fotografare

Le cinque curiosità su Parigi da scoprire e fotografare

Di curiosità su Parigi? Ne ho sempre scoperte delle nuove. Parigi è una città adorabile e indimenticabile. Sarà per la magia delle sue architetture, o perché è la città delle lumiere, ma nessun’altra località del mondo ha il suo stesso fascino.

Ci sono stata tre volte in tutta la mia vita e vorrei tornarci ancora altre mille!

Oggi, mettendo in ordine tra le mie cose, ho trovato un po’ di oggetti comprati a Montmartre e altri souvenir li ho scoperti tra le cose di mia nonna paterna. Mi hanno subito riportato indietro con la memoria.

In passato, pensavo che solo Napoli esoterica fosse ricca di mistero, poi però, visitando Parigi, approfondendo la sua storia, ho scoperto che anche la capitale francese nasconde tanti segreti…

Curiosità Parigi

Tra le curiosità su Parigi c’è sicuramente la piramide del Louvre.Qual è il significato nascosto dietro la piramide? Sotto di essa è stata progettata una seconda piramide speculare e rovesciata, come se a sua volta ne sfiorasse una terza in pietra. La piramide esterna, più monumentale e scenografica, fa da lucernario e da ingresso al sottosuolo. La piramide rovesciata non illumina solamente il carrousel du Louvre, ma ne ottimizza anche l’acustica e ne valorizza la bellezza. Il mistero della piramide del Louvre è nascosta nella ricorrenza del numero 3 e nella teoria dei 666 vetri. Numeri di spiritualità e resurrezione, ma anche di esoterismo e occultismo. Il 666 nell’Apocalisse di Giovanni è il numero che rappresenta l’ antiCristo. Ma la particolare forma della piramide del Louvre richiamerebbe anche la massoneria, in quanto simbolo della stessa, e sarebbe anche emblema di progresso.

Le cinque curiosità su Parigi da scoprire e fotografare

Le catacombe di Parigi

Altro luogo particolare e caratteristico per il mistero e il fascino oscuro che nasconde sono le Dessous de Paris, ovvero le cave di Parigi risalenti al XVIII secolo. Non sarebbero altro che un vero e proprio labirinto sotterraneo, contenente secoli e secoli di memorie parigine. E devo ammettere che sono anche molto simili a Napoli sotterranea. Proprio come la mia città, anche Parigi nasconderebbe un groviglio di gallerie e di corridoi bui e stretti. Una rete di tunnel che si rifanno all’epoca romana. Le cave sono poi state trasformate in delle sepolture funebri a partire dal 18º secolo. Oggi, sono visitabili e sicuramente fanno un po’ paura, ma hanno anche un grande fascino e vale la pena provare ad attraversarle, muniti di torce e coraggio. Sono tra le curiosità su Parigi che attirano il maggior numero di turisti da tutto il mondo ogni anno.

Il cimitero di Montmartre

Tra le curiosità di Parigi c’è questo affascinante cimitero, fatto anch’esso di labirinti, tra cappelle di dimensioni diverse e con stili differenti. Ci sono anche tante sculture appartenenti alla fine del 19º secolo e inizio 20º secolo.

Montmartre è famoso per la sepoltura di personaggi storici come Dalida, Stendhal. Colpisce soprattutto per la monumentalità delle sculture che vengono adagiate sulle tombe.

Le cinque curiosità su Parigi da scoprire e fotografare

I bistrot di Parigi

La prima volta che sono stata a Parigi sono stata affascinata dai numerosi bistrò che si aprono lungo i boulevard e le rue. I loro colori e i loro particolari arredi colpiscono subito l’occhio del turista curioso.

Siamo sempre stati convinti che “bistrot” fosse una parola francese, ma in realtà non è così. I bistrot sarebbero di origine russa. Chiedendo conferma ad alcuni parigini, mi hanno spiegato che nel 1814 circa i cosacchi russi giunsero a Montmartre, correndo in una locanda e chiedendo a gran voce di bere alcol. Ovviamente, per dire questo loro parlavano però nella propria lingua, dicendo “bistro bistrò”, che in russo vorrebbe dire proprio “fa presto”. E da lì, da quel giorno, venne creato il primo locale, dal nome bistrot. Il termine è passato poi a indicare i celebri bar ristoranti parigini.

Il pont Neuf

Il ponte più largo e più antico di Parigi, la costruzione di questa struttura fu ordinata nel 1578 per volere di re Enrico IV. Letteralmente vuol dire “ponte nuovo” e non “ponte nove” come dovrebbe essere la sua traduzione in italiano. Oggi è diventato il luogo degli innamorati, poiché su di esso vengono attaccati i cosiddetti lucchetti dell’amore, che ormai sono famosi anche in Italia, come a Ponte Milvio a Roma, e sono tantissimi i fidanzati che si giurano amore eterno allacciando questi lucchetti con le proprie iniziali sul ponte Neuf. Ne sono stati trovati moltissimi che sono precipitati lungo la Senna. Di recente, sono stati abbattuti alcuni muretti antichi per eccesso di peso, determinato dalla presenza di questi lucchetti.

Le cinque curiosità su Parigi da scoprire e fotografare

Notre Dame esoterica

A Parigi curiosità senza fine. C’è un’antica leggenda legata alla cattedrale di Notre Dame de Paris, secondo la quale le porte principali della cattedrale sarebbero state opera del male. Il fabbro donò la propria anima al diavolo in cambio di un aiuto e quindi il giorno dell’inaugurazione di Notre Dame de Paris ci furono vari esorcismi per cercare di aprire le porte della cattedrale consacrata. In realtà, se ci facciamo caso, in tutte le raffigurazioni presenti sul portale del giudizio universale notiamo la compresenza del diavolo e dell’arcangelo Michele.

Spesso considerata simbolo di oscurantismo religioso, Notre Dame ha rischiato di essere abbattuta. Proprio perché molte erano le leggende e le storie del folklore locale connesse a questa duplice immagine di Nostra Signora di Parigi. Ciò che rese sacra e inviolabile la cattedrale fu proprio la reliquia più importante della cristianità, ovvero il chiodo e il frammento della Santa croce con la corona di spine di Gesù, che sono visibili fuori dei preziosi reliquiari sempre e solo il venerdì.

Le cinque curiosità su Parigi da scoprire e fotografare

Queste curiosità su Parigi, dunque,dimostrano come non sia solo la città più romantica del mondo o la città delle luci, dell’arte e della moda, ma anche una terra ricca di misteri e di lati oscuri che vale la pena scoprire. Inoltre, la cattedrale di Notre Dame de Paris, in stile gotico affonderebbe le sue fondamenta su un antico tempio dedicato alla dea egizia Iside. È risaputo che tutti i luoghi sacri in realtà sono sorti su antichi resti archeologici di fattura greco romana e dedicati a divinità pagane, proprio per consacrare questi edifici.

La casa storta di Montmartre

Esiste davvero questa casa storta di Montmartre, che tutti gli influencer e i blogger fotografano e postano su Instagram? L’edificio è visibile a pochi passi dalla basilica del Sacro Cuore, percorrendo l’ultima scalinata che dà verso la chiesa. In realtà se la osserviamo con attenzione, scopriamo che l’edificio non è storto, ma è frutto di un effetto ottico e di inquadrature fatte ad hoc con la macchina fotografica o col telefonino. Basta inclinare l’obiettivo in modo che la collina di Montmartre risulti completamente orizzontale. E il gioco è fatto. Tra l’altro, sotto la collina si nasconderebbero una serie di cave maledette. Infatti, al loro interno trovarono riparo i senza tetto, ma anche numerosi malviventi ricercati, tra i quali i rivoluzionari della rivoluzione francese. Forse anche lo stesso Marat.

Secondo altri, invece, queste cave furono utilizzate per le messe nere. E nelle stesse sarebbero state portate numerose donne sottoposte poi a dei riti satanici. Ovviamente tutte queste sono delle credenze popolari e delle informazioni registrate nelle cronache storiche del tempo. Nonostante tutte queste informazioni, piuttosto inquietanti, e queste curiosità su Parigi, resta sicuramente una delle città più affascinanti del mondo che vale la pena visitare almeno una volta nella vita. E come vi ho detto all’inizio, io ci tornerei anche domani e anche altre 1000 volte da qui fino alla fine della mia vita. Chi fa ritorno da Parigi porta nel cuore per sempre quella magica atmosfera fiabesca, fatta di romanticismo, luci e sapori tipicamente francesi.

Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie

Informativa estesa cookie
Informativa Privacy.