Fatti e misfattiVideo

La casa di Natale più illuminata? E’ in Australia

Questo slideshow richiede JavaScript.

CANBERRA- Se non è ricco di luci e colori, che Natale è? E’ questa la domanda che si è sempre posto ogni amante delle festività natalizie. Ed allora vai con la corsa alla realizzazione dell’albero di Natale più grande e più bello, a costruire la slitta di Babbo Natale fuori l’ingresso del proprio negozio o della propria abitazione. Chi più ne mette, più vince il contest del “Natale più luminoso” del mondo. C’è chi lascia appeso fuori le balconate un “goffo e buffo” Babbo Natale in fase di “arrampicamento”, chi riempie di luci ogni angolo della casa e chi, come David Richards, australiano già noto ai Guinness dei Primati, decora di ben 1.194.380 luci la propria abitazione su una  superficie di 3.865 metri quadri.


Donna_250x250

Casa di Natale a consumo-risparmio

Tutte lampadine al Led, ovviamente, perché il risparmio energetico e la tutela dell’ambiente vengono prima di qualunque altra smania natalizia. In Italia, come nel resto del mondo, è ormai abitudine consueta quella di decorare con luminarie strade e piazze della città. Sorprende ed affascina quando è un cittadino privato a trasformare la propria casa in una gigante e luminosa reggia di Babbo Natale. Non un semplice capriccio o un narcisistico desiderio di apparire quello di Richards, ma un obiettivo nobile e profondo: raccogliere i fondi per l’associazione sidandkids, che si occupa di assistere le famiglie che hanno perso i loro figli neonati per malattie ancora poco note.

Una casa di Natale luminosa di sorrisi

Richards e sua moglie hanno perso un figlio in questo modo nel 2002 e da allora ha preso forma l’idea di rendere il Natale un evento indimenticabile e condividere questo momento con amici e sconosciuti, che avrebbero fatto visita a questo monumentale colosso di luci e decorazioni natalizie. E così sono stati raccolti fondi per un totale di 200mila dollari devoluti in beneficenza. Un titolo record che i coniugi Richards rinnovano ogni anno dal 2011.

Share:

Rispondi