Home » Benessere medicina » Gastrite cosa mangiare e cosa no? Consigli per contrastarla

Gastrite cosa mangiare e cosa no? Consigli per contrastarla

Avete mai avuto quella sensazione di fuoco e fiamme nello stomaco? Non è per nulla piacevole. Purtroppo, non sempre la gastrite è sintomatica, ma può diventare cronica

Ecco perché è bene sapere con la gastrite cosa mangiare e cosa no per evitarla o porvi rimedio il prima possibile. 

Sintomi della gastrite

In alcuni casi, si soffre di un lieve malessere come una digestione difficile, gonfiore addominale, nausea o pesantezza di stomaco. Chi non ne avrà sofferto dopo le abbuffate delle festività?

Quando la gastrite necessita di un medico? Nelle situazioni in cui si avvertono dolori e fitte nella parte superiore dello stomaco e bruciori fastidiosi, allora bisogna accendere un campanello d’allarme e ricorrere ad una visita specialistica, evitando il “fai da te”. 

Cosa mangiare con la gastrite: alimenti amici

Le chiamano “le piante del buono dopo pasto” perché sono conosciute da molto tempo per le loro proprietà digestive e sono cibi per gastrite.

Ebbene, alcune piante sono note proprio per le loro qualità calmanti che favoriscono la digestione. Insomma ci vuole una dieta per gastrite, efficace e mirata. 

Alimenti amici contro la gastrite

Il carciofo nasconde un principio attivo che aiuta la digestione e stimolando la secrezione biliare, che favorisce così la digestione dei grassi. Meglio consumarlo cotto a vapore, o sotto forma di tisana: un decotto di foglie di carciofo, lasciate bollire in acqua per una decina di minuti, insieme a qualche seme di finocchio, è un toccasana per lo stomaco in fiamme.

Camomilla, le proprietà calmanti sono note, ma non va sottovalutata la sua capacità di rilassare l’intestino. Infatti è ottima anche per il mal di pancia. È utile consumare una tazza di camomilla dopo i pasti per alleviare tensioni addominali e meteorismo

-Frutta secca: nocciole, mandorle e noci

-patate

-banane e pere, mele 

-carote

-cavoli

-riso 

-carni bianche e pesce 

E occhio anche al consumo di acqua liscia, piuttosto che gasata, perché le bollicine possono aumentare l’insorgere del disturbo gastrite. L’acqua va bevuta almeno con due bicchieri durante i pasti e uno a fine pasto. 

Cosa non mangiare quando si ha la gastrite 

La gastrite ha dei sintomi davvero fastidiosi e spesso insopportabili. È meglio stare lontani da questi alimenti quando si è affetti da gastrite :

  • Il caffè è sconsigliato a chi soffre di stomaco perché la caffeina stimola la produzione dei succhi gastrici, come l’acido cloridrico e quindi infiamma la mucosa dello stomaco e aumenta i sintomi del reflusso e della gastrite. 
  • peperoncino intero o in polvere ha un effetto irritante sebbene abbia tantissime proprietà come l’accelerazione del metabolismo e il miglioramento della salute cardiovascolare. 

Cibi da evitare con la gastrite 

Dunque, se non sai con la gastrite cosa mangiare, allora leggi bene questo post e segnati tutto.

Vanno evitati, o comunque ne va limitato il consumo, questi alimenti che possono aumentare la acidità gastrica, peggiorano reflusso perché inducono la risalita degli acidi dallo stomaco:

  • Fritti
  • Alcolici 
  • Cioccolato 
  • Pomodori
  • Aglio
  • Cipolle
  • Spezie
  • Dolci e salati 
  • Agrumi

Gastrite nervosa cos’è e come prevenirla 

Non sempre la gastrite viene scatenata dal consumo di cibi irritanti, ma spesso può essere provocata da stress e da ansia eccessiva.

Siamo di fronte a gastrite nervosa che si presenta in forma più leggera, infatti non è provocata da un batterio ( helicobacter pylori) o da alimenti, o da alcool.

La gastrite nervosa è frutto del cervello che è in grado di aumentare la produzione di succhi gastrici nello stomaco generando dolore addominale bruciore che si manifesta come un “senso di vuoto allo stomaco”. La dieta per gastrite può essere seguita anche in questo caso, ma il vero rimedio è un altro.

Come prevenire la gastrite nervosa? Rilassandosi e fermandosi per qualche minuto. C’è chi pratica yoga, chi corre e chi decide di staccare tutto e ascoltare un po’ di musica. Una soluzione potrebbe essere anche masticare chewingum per calmare lo stress e aiutare lo stomaco. 

Uno dei rimedi più antichi contro la gastrite, in generale, è un bicchiere di acqua con un cucchiaio di bicarbonato di sodio ad uso alimentare. 

Non basta chiedersi con la gastrite cosa mangiare e cosa no, ma è necessario cambiare anche il modo di cucinare: meglio preparare gli alimenti cuocendoli a vapore o bollendoli, ridurre condimenti e spezie. 

E una volta a tavola, masticare serenamente il cibo, evitando di ingoiare bocconi enormi per eccessiva fretta.

Lo stomaco vi ringrazierà! 

Follow:
Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *