TUTTE LE NOTIZIE

Ecco le 11 superstizioni della sposa


Ecco le 11 superstizioni della sposa

È giusto credere alle superstizioni per una sposa prossima al grande passo? In effetti, c’è chi dice di non mettere fiori viola o blu nel bouquet perché portano male, chi sostiene che sposa settembrina presto vedovina, ma c’è anche chi preferisce ignorare tutte queste stupide credenze popolari, procedendo spedita verso l’altare, incurante del perché siano diffuse tali “dicerie”. 

Ogni sposa crea le proprie superstizioni o eredita quelle della nonna, della mamma e così via. Se diamo uno sguardo in giro, le credenze su cosa fare o portare nel giorno più bello della propria vita, ci rendiamo conto che più o meno ci sono le stesse tradizioni,  che si rinnovano o si ripetono. 

  • Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di prestato, qualcosa di blu e una monetine nella scarpa. 

Che cosa significa questa filastrocca? E cosa comporta per la sposa, che si rifiuta di seguirla? È una tradizione diffusa in Gran Bretagna come in Francia, in America come in Italia. Indossare qualcosa di vecchio è legata al passato da nubile e  mettere qualcosa di nuovo preannuncia un futuro felice con lo sposo. Una cosa prestata è un amuleto speciale, spesso proveniente da un parente vicino, meglio se felicemente sposato. Questo sarà di buon augurio per la coppia neosposa: porterebbe amore e fedeltà.

Ecco le 11 superstizioni della sposa

E la monetina nelle scarpe? Certamente non è comodo trascorrere tante ore in piedi su tacco 12 e in più con un oggetto estraneo nella scarpa. Però, si fa. Perché? Porta bene. La monetine apre la via a una vita matrimoniale prospera e ricca. 

  • Vedere lo sposo prima del matrimonio? No!

Questa credenza ha fatto il giro del mondo ed è sempre valida. Una superstizione che coinvolge anche i parenti degli sposi, letteralmente terrorizzati dalla possibilità che i due giovani si incontrino prima della cerimonia. Questa paura è ormai superata per quelle coppie che convivono da tempo e che con il matrimonio formalizzano solo l’unione di fatto.

Per queste coppie è naturale condividere casa e pure il letto, fino al giorno prima delle nozze. Eppure, ci sono spose che la notte prima del matrimonio affidano il proprio abito nuziale alla migliore amica, o alla sorella,  pur di impedire che il futuro sposo abbia solo una mezza idea di come sarà il vestito della sua amata. 

Ecco le 11 superstizioni della sposa
  • Indossare un velo

In passato, più di oggi, il velo era d’obbligo perché proteggeva la sposa dagli spiriti maligni, invidiosi della felicità della coppia; e poi, il velo è un valido aiuto nell’impedire allo sposo di guardare la sposa prima del fatidico Sì. Oggi, però, sono sempre di più le spose che hanno abolito questo accessorio, abbandonando anche questa vecchia credenza. 

  • Portare in braccio la sposa sulla soglia della porta 

È importante che lo sposo non lasci entrare la sposa nella nuova casa, se non tra le sue braccia. Perché? Secondo un’antica tradizione, risalente ai tempi dell’antica Roma, poi riscoperta nel Medioevo, si credeva che gli spiriti maligni potessero entrare attraverso la suola dei piedi della sposa, portando disgrazie in casa. 

Ecco le 11 superstizioni della sposa

 Pertanto, già nell’antica Roma lo sposo faceva portare la sposa in braccio dai suoi amici, poi finì col prenderla in braccio da solo. In alternativa, oggi si è soliti entrare nella nuova casa tenendosi per mano come un dolce simbolo per iniziare la vita matrimoniale insieme nel proprio nido. 

  • Un ragno sul vestito da sposa? Buon presagio. 

Ok, ma che vuol dire? I ragni di solito portano fortuna. Quindi, averne uno sul vestito da sposa assicurerebbe denaro e fortuna. Eppure, nessuna sposa vorrebbe trascorrere la giornata con un insetto sul proprio abito, o peggio, sulla sua pelle. 

Ecco le 11 superstizioni della sposa
  • Non piangere al proprio matrimonio 

E come si fa? Piangono i parenti, piangono i genitori degli sposi, così pure gli amici. Per empatia ai matrimoni le lacrime di commozione vengono fuori a tutti, compresi gli sposi. Piangere prima di pronunciare il “sì” porterebbe male alla sposa, perché preannuncerebbe disgrazie e vedovanza. Insomma, dopo questa, meglio trattenersi. Lacrime consentite solo dopo aver infilato l’anello al dito dello sposo. Le superstizioni della sposa non vanno sottovalutate.

  • Mettere delle lattine vuote e altri pendagli alla carrozza o alla vettura sulla quale partire per la luna di miele. 

Questa è un’usanza tipicamente americana, ma da oltre un trentennio è giunta anche in Italia. È un modo per esorcizzare gli spiriti maligni, distraendoli con il suono dei barattoli di latta. In realtà, la tradizione è ancora più vecchia, risalirebbe all’antica Roma. A quei tempi si usava rompere cocci di vaso per distrarre gli spiriti, allontanandoli dalla coppia. 

In ogni caso, a prescindere dalle superstizioni della sposa, il matrimonio resta il momento più emozionante ed importante nella vita di una persona (certo per chi ci crede ancora nella sacralità di questa cerimonia). Non tutte le spose si lasciando influenzare da queste antiche e ormai consolidate credenze, però…provate a guardare bene cosa indossa, quali fiori ci sono nel suo bouquet e se la notte prima ha dormito da sola…scoprirete che in realtà tutte le spose hanno voglia di esorcizzare l’ansia da “sì, lo voglio”. 

E voi, fate attenzione a non trasgredire nessuna di queste superstizioni?

Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche, di terze parti e di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie

Informativa estesa cookie
Informativa Privacy.