Curiosità

Come eliminare le blatte? Terapia D’Orta, parola d’esperto

come eliminare le blatte-d'orta

NAPOLI- Convivere con gli scarafaggi, ospiti indesiderati nelle case, non è facile e spesso si genera una vera psicosi. Eliminarle è l’unico obiettivo di ogni estate da circa 10 anni ad oggi. Torniamo a parlare del problema blatte, questi fastidiosi insetti rossi, che sono parenti degli scarafaggi ed entrano attraverso le fogne e i tubi idraulici nelle case degli italiani, soprattutto di quelli che risiedono in città di mare. Gli ambienti umidi sono i luoghi preferiti degli esemplari blattoidei. Come eliminare le blatte senza farsi prendere dal panico? Ne abbiamo parlato con un esperto in materia di disinfestazioni, Aldo D’Orta, titolare della storica azienda D’Orta, attiva dal 1937 a Napoli. E’ uno dei primissimi ad aver intuito l’importanza della derattizzazione e disinfestazione nel capoluogo partenopeo, e così da tre generazioni i D’Orta sono sinonimo di affidabilità e pulizia definitiva degli ambienti da topi, blatte, scarafaggi.

1. Le blatte sono una vera piaga per le città di mare, come Napoli, ma da dove vengono questi insetti?

Aldo D’Orta: “ Le blatte, comunemente note come “scarafaggi”, sono tra i più comuni insetti infestanti associati all’uomo fin da tempi molto antichi. Sono specie cosmopolite, in Italia la loro diffusione è più frequente nelle regioni meridionali, specialmente nelle città portuali ma si riproduce ed infesta tutto il territorio nazionale. Si ritiene che siano originarie del continente afro-asiatico, sono state introdotte in America con il traffico degli schiavi, e da qui con la globalizzazione si sono diffuse in tutto il mondo con le navi commerciali. Le condutture fognarie delle città sono il loro luogo di elezione, dove trovano le condizioni termo-igrometriche ideali per il loro sviluppo e diverse fonti di cibo per riprodursi”.

impresa D'Orta-blatte

Camillo, la mascotte dell’azienda D’Orta

2. Quando bisogna agire e in che modo per prevenire altre estati da incubo?

Aldo D’Orta: “Il ciclo biologico delle blatte rallenta nel periodo invernale senza mai arrestarsi, gli interventi di prevenzione iniziano in primavera all’aumentare delle temperature, ovvero quando la loro attività diventa frenetica. L’unico modo per ridurre le presenze di scarafaggi nelle abitazioni è legato alle verifiche e disinfestazioni programmate delle condotte fognarie”.

 3. Quante volte all’anno bisognerebbe fare una disinfestazione?

Aldo D’Orta: “Una corretta e moderna strategia di lotta comprende interventi ordinari (circa n° 3-4 all’anno, ma occorre sempre fare un sopralluogo delle aree da trattare), nel caso si intervenga con un’ infestazione in atto si eseguiranno almeno tre interventi d’urto (in questo caso il numero annuale può salire a sei ed anche ad otto nei casi più complessi)”.

 4. Una casa infestata da blatte può causare un contagio nell’intero condominio? In che modo?

Aldo D’Orta: “La presenza di blatte all’interno degli appartamenti non dipende da cattive condizioni igienico-saniarie, tali insetti provengono dalle fogne comunali, passano nelle condutture condominiali e infestano i singoli appartamenti. Quindi, nella maggioranza dei casi una casa/appartamento infestato è solo la conseguenza di un’infestazione delle aree esterne e delle condotte fognarie”.

5. Quali sono i disinfettanti da usare e quali sono i disinfestanti più efficaci? Come eliminare le blatte definitivamente?

Aldo D’Orta: “Eventuali interventi di disinfezione e disinfestazione devono essere eseguiti da un disinfestatore professionista, questi utilizza vari prodotti e tecniche idonei per la risoluzione della problematica che cambiano rispetto alla situazione riscontrata”.

6. Il fai da te serve, ma fino a che punto?

Aldo D’Orta: “Il fai da te non risolve la problematica, i prodotti per l’hobbistica hanno poca efficacia. L’unica cosa da fare in proprio è di chiudere gli eventuali punti di accesso all’appartamento: fessure sotto le porte, finestre, i fori dove attraversano i tubi del climatizzatore, tappare tutti gli scarichi dei lavandini, lavabi, etc”.

Ed ora che si conosce come eliminare le blatte, è arrivata l’ora di reagire! Niente uso eccessivo di veleni in commercio, bisogna eliminare i nemici alla radice, senza rimetterci la salute.

Share:

Rispondi