Cisti di Naboth, 5 motivi per non preoccuparsi

Valeria Russo
one comments

Sarà capitato a molte donne di sottoporsi ad una ecografia pelvica e scoprire di essere affette da cisti di Naboth. Un termine che, a prima vista, può destare qualche preoccupazione.

Formazioni benigne: le cisti di Naboth

Eppure, è stato dimostrato che sono formazioni benigne e asintomatiche, comuni all’apparato genitale di numerose donne. Gli ovuli di Naboth, o cisti cervice, sono dovuti ad una dilatazione delle ghiandole cervicali, spesso infiammate da un’ostruzione. Non si tratta di endometriosi.

Cosa sono le cisti di Naboth e perché nascono?

  1. Sono delle formazioni di muco dovute a ritenzione idrica e sono piuttosto diffuse e comuni tra le donne. Tali formazioni si annidano tra il collo dell’utero e la cervice, ma sono del tutto innocue. Il muco si genererebbe dalle ghiandole cervicali, ricoperta da altro tessuto, questo comporterebbe l’ostruzione alla fuoriuscita di nuovo muco che tende poi a rigonfiarsi generando la cisti di Naboth. Secondo studi recenti queste escrescenze si formano a seguito di un trauma cervicale o per il parto.
  2. Cisti di Naboth sintomi: la presenza delle formazioni mucose non dà sintomi; spesso, le donne affette da tale patologia (anche se non è una vera e propria malattia) non se ne accorgono. Le dimensioni delle cisti vanno da pochi millimetri fino a 4 cm.
  3. Possono essere rimosse: esistono varie tecniche per eliminare queste formazioni mucose, una di esse è il laser, efficace e veloce; oppure la crioterapia, la cistocentesi (svuotamento del muco). Poiché tali cisti non comportano problemi a livello di salute, possono anche non essere asportate.
  4. Unica attenzione delle donne affette da tale problema è il sottoporsi spesso ad una visita ginecologica per tenere sotto controllo la situazione e notare se ne sono nate altre o meno. Infatti, se le cisti si moltiplicano potrebbe essere difficile poi effettuare un pap test per l’eccessivo rigonfiamento della cervice.
  5.  Le cisti di Naboth non sono mortali. Non danno fastidio e non alterano l’andamento del ciclo mestruale.

La serenità è condizione necessaria per affrontare qualsiasi tipo di problema legato al proprio corpo.


 

Categories:

About Valeria Russo

Giornalista Pubblicista...“curiosa al punto giusto”. Amante dei viaggi e della cucina. Come reporter ha esordito sul quotidiano Il Roma nel novembre del 2007. Ha collaborato con testate on line come: NapoliVillage.it, Julie News, NapoliToday.it, il Mattino, HuffPost, Blasting News. E' sempre “on the road” a caccia di verità!

1 thought on “Cisti di Naboth, 5 motivi per non preoccuparsi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares