Home » Racconti, storie e dicerie » Alla scoperta di Palazzo Capece a Caivano: viaggio nel tempo tra nobildonne e nocino

Alla scoperta di Palazzo Capece a Caivano: viaggio nel tempo tra nobildonne e nocino

Palazzo Capece Caivano

Dove si trova palazzo Capece e che segreti nasconde questo affascinante palazzo storico del 1700? Ve lo svelo subito…se avete voglia di scoprirlo, non perdetevi quanto sto per raccontarvi.

Passato e napoletanità convivono in questo luogo e lo si avverte non appena si varca la soglia del palazzo. E’ in questo preciso istante che inizia un viaggio nel tempo…il cortile con i suoi lampioni antichi di notte regalano atmosfere suggestive, ampliate dal sistema di luminarie moderne che si sposano alla perfezione con lo scenario circostante. 

Passeggiando tra i vari ambienti esterni colpisce subito il Pozzo dei Desideri: una sosta per formulare il proprio pensiero e lanciare una monetina è d’obbligo…

All’interno di Palazzo Capece ad accogliere il visitatore curioso ci sono le ampie scalinate, costellate da oggetti di grande fattura artistica, come una panchina in legno intarsiata, un’armatura medievale. E seguendo le scale, i gradoni in muratura portano a sale immense e dall’atmosfera immutata: la sala da pranzo è un vero piacere per gli occhi di chi vi entra. 

Dimora storica di palazzo Capece

Dietro una splendida dimora storica ben tenuta c’è sempre la forza e il coraggio di giovani eredi, animate dal desiderio di far rivivere un meraviglioso passato in un presente che ha tanto da imparare. Uno dei luoghi dall’atmosfera incredibile è il giardino di Palazzo Capece con i suoi bassorilievi e statue di Grazie, Satiri e maschere del teatro greco. Inserita tra le dimore storiche del Grand Tour d’Italia, Palazzo Capece non è solo un museo, ma anche una location dal cui terrazzo ammirare indimenticabili tramonti, scambiarsi un bacio senza tempo con il proprio consorte o festeggiare un evento importante. 

Palazzo storico Caivano dove si trova

Ho scoperto questa dimora storica su Instagram, per puro caso, e ne sono rimasta incantata. E grazie alla disponibilità di Nora Capece ho avuto la possibilità di scoprire questo luogo incredibile. Palazzo Capece si trova a Caivano, in provincia di Napoli, precisamente in Corso Umberto 302, che un tempo era nota come la via Regia o “a via Nova”.

In seguito, questa linea di strada sarebbe diventata un collegamento tra il Palazzo Reale di Napoli e la Reggia di Caserta. Proprio lungo questa linea regia, dove un tempo sorgeva una stazione di posta per il ricambio di cavalli e postiglioni, il capostipite dei Capece di Caivano, il nobile Carlo Andrea Capece (1715-1779), decise di costruire una imponente e ampia Masseria. 

Tutto intorno il Palazzo Capece c’erano 20 ettari e più di terre coltivabili. Un luogo meraviglioso tra il verde della natura e i colori dei fiori, che confinava con l’altro palazzo storico di Caivano, ovvero Palazzo Pepe. 

Nora Capece e Annapaola Capece
Nella foto da sinistra a destra: Nora Capece e Annapaola Capece

Famiglia Capece storia e stemma

Ogni dimora storica è legata ad un capostipite dalla figura leggendaria e racconta un passato senza tramonto, destinato a trasformarsi nei secoli. Mi piace molto l’araldica dei cognomi e la ricerca delle radici di ogni monumento o edificio che incontro sul mio cammino. 

Cosa sappiamo dei Capece? Secondo lo storico Elio Marchese di Capece ce n’erano davvero tanti e facevano tutti parte del nucleo più antico dei Capece di Napoli. Erano così numerosi che molti assunsero vari cognomi in aggiunta a quello originario proprio per distinguersi l’uno dall’altro. I Capece ebbero un ruolo fondamentale insieme alla famiglia Caracciolo nel Seggio di Capuana. Lo stemma della famiglia originaria di nobili napoletani si riconosce proprio dall’icona del leone coronato d’oro su sfondo rosso.

Nobili napoletani di Caivano

Quale sorte hanno avuto i Capece nei secoli a venire? E oggi chi sono i loro discendenti? E’ da qui che ci ricolleghiamo alla figura di Nora Capece e alle sue due sorelle Alessandra e Annapaola. Sono le tre donne che oggi abitano e gestiscono Palazzo Capece a Caivano. La più piccola delle tre sorelle, Annapaola Capece, laureata in Beni Culturali con indirizzo turistico, è al lavoro da tempo per riorganizzare tutti gli oggetti di famiglia.

La dimora storica di fine Settecento inizi Ottocento ha subìto nel corso del tempo una serie di ristrutturazioni per renderla più solida, ma senza alterarne l’atmosfera fiabesca di un passato misterioso e senza tempo: manufatti, arnesi, quadri e oggetti preziosi sono disseminati in ogni angolo del palazzo. Tutta eredità di Pietro Capece, amante dell’arte e collezionista di oggetti di grande pregio e bellezza. 

Sala da pranzo Palazzo Capece

Come visitare Palazzo Capece

Oggi, Palazzo Capece è un complesso di 3000 mq in continuo rinnovamento. La struttura si presta ad ogni tipologia di eventi: convegni, manifestazioni culturali, rappresentazioni storico-teatrali, concerti, feste. La magia della location ottocentesca mescolata con la modernità e l’eleganza delle sorelle Capece rende ogni kermesse un momento unico.

La dimora storica è aperta a curiosi e a visitatori, anche a scolaresche, che potranno prendere parte ad una experience personalizzata per scoprire la storia del Palazzo e gli aneddoti ad esso legati. E non mancheranno simpatiche e tenere guide come il cagnolino Bacco, la graziosa cagnolina Lilly e il bonaccione Golden Retriever, Giorgio. Per saperne di più e prenotare la visita guidata basta andare sul sito di Palazzo Capece  

Dimore storiche d’Italia: Palazzo Capece nel tempo

L’ immensa proprietà di Palazzo Capece è stata frazionata tra i vari figli maschi della famiglia: Nicola Capece (1751-1823) e poi da Michele Capece (1790- 1873), figlio di Nicola . Il dottor Michele ebbe 10 figli, ma solo i 3 maschi , ossia Giorgio (1826 -1872) , Pietro (1828 – 1865) e Domenico (1830 – 1893) ebbero diritto ad avere in eredità le diverse proprietà di quest’ultimo .

Ad un certo punto, la sorte vuole che la dimora storica di Caivano passi nelle mani di una nobil donna,  Maria Libertini, moglie di Giorgio, data la prematura scomparsa di quest’ultimo. La Libertini si unì in seconde nozze con Giuseppe Capece (1853-1888), nipote del primo marito. Purtroppo, anche Giuseppe muore prematuramente.

Maria Libertini, unica erede di un grande patrimonio, si dà da fare e trasforma sempre più Palazzo Capece.  La stessa nobildonna nel 1899 ottiene la concessione della Cappella Capece, dove offre sepoltura ai due mariti.

Cortile di palazzo Capece a Caivano

Alla morte della Libertini,  Palazzo Capece va al figlio di primo letto, Pietro Capece (1881-1956), noto cacciatore, fino a giungere nelle mani di suo figlio, il veterinario dott. Giuseppe Capece (1907-1986) che sposa nel 1934 la N.D. Nora Cafaro (1908-1996), figlia del Cavaliere Alessandro Cafaro, sindaco e primo podestà di Caivano. 

Da questa unione nascono quattro figli: Elvira, Alessandro, Bianca e Pietro.

Palazzo Capece Caivano

Ad ereditare il palazzo sono stati i due figli maschi Alessandro e Pietro, quest’ultimo conosciuto a Caivano come Dottor Pietro Capece, ha rilevato negli anno 90’ l’intera struttura. 

Quest’ultimo è noto anche per il suo delizioso liquore Nocino Capece. Un must da sorseggiare durante una visita a corte.

Oggi, Palazzo Capece è tornato nelle mani di tre giovani sorelle, donne creative, storiche di eccellenza ed entusiaste promotrici della bellezza del passato: Nora, Alessandra e Annapaola. 

Nonostante il momento storico, soffocato dalla pandemia di Coronavirus, le sorelle Capece stanno lavorando a nuove experience per visitare la loro dimora storica, garantendo la massima sicurezza ai visitatori. 

Visitare Palazzo Capece è un’ottima scusa per viaggiare indietro nel tempo…che aspetti? Macchina fotografica in spalla, chiudi gli occhi e lasciati avvolgere dalla magia del passato e dalla simpatica accoglienza di tre giovani nobildonne moderne. 


Si ringrazia Nora Capece per la concessione delle foto di proprietà di Palazzo Capece

Per scoprire la loro gallery visitate la pagina Instagram

Follow:

1 Comment

  1. Luigi Consales
    26 Dicembre 2020 / 19:00

    Ottima prefazione. Struttura molto interessante..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *